EconomiaIl caso Evergrande frena ancora le Borse asiatiche, l’Europa...

Il caso Evergrande frena ancora le Borse asiatiche, l’Europa tenta il riscatto

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Dopo il “lunedì nero” sui mercati si vedono segnali di rimbalzo almeno per i listini europei. L’ultima è stata, infatti, la peggior seduta da tre mesi e mezzo con il crollo del gigante immobiliare cinese Evergrande che sta portando le piazze finanziarie mondiali a temere una “Lehman Brothers cinese” in grado di affondare il sistema finanziario globale. Ma ora le Borse del Vecchio Continente puntano a un parziale recupero. Positivi anche i future negli Usa, mentre in Asia Tokyo ha chiuso in calo di oltre il 2% e il resto delle piazze finanziarie si è mosso non lontano dalla parità o, nel caso di Hong Kong, in calo di poco meno di mezzo punto percentuale.

La crisi del colosso immobiliare Evergrande continua così a spaventare gli investitori, che nelle prossime ore potrebbero però ridimensionare la portata dei loro timori. Rimbalza anche il petrolio con il Wti a 74,82 dollari al barile, mentre si mantiene poco mosso l’euro/dollaro a 1,1736.

Loading…

Spread in calo a 100 punti, tasso allo 0,70%

Seduta in ribasso per lo spread tra BTp e Bund. Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari durata tedesco è infatti indicato a 100 punti base rispetto ai 103 punti base della chiusura del 20 settembre. In calo anche il rendimento del BTp decennale benchmark, che si attesta allo 0,70% dallo 0,72% del riferimento precedente.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Loading…

Mercati stretti tra Evergrande e scelte Fed

A innervosire i mercati, e alimentare un’ondata di vendite generalizzata, è anche l’attesa riunione della Fed, che mercoledì 22 settembre 2021 potrebbe annunciare la tempistica del ritiro degli stimoli all’economia messi in campo per la pandemia. Non facilita gli scambi neanche l’appello del segretario al Tesoro americano Janet Yellen per un aumento del tetto del debito subito, senza se e senza ma. Non farlo – ha messo in guardia – significherebbe scivolare in una nuova crisi e in recessione.

Nel mese di ottobre, ha avvertito Yellen, gli Stati Uniti non avranno più fondi a disposizione per far fronte ai loro obblighi di pagamento e senza un aumento il rischio è quello di un default, con conseguenze mondiali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi