OpinioneMatrimoni gay, la Svizzera dice sì

Matrimoni gay, la Svizzera dice sì

Secondo le prime proiezioni diffuse dall’Istitut gfs.bern, gli svizzeri hanno approvato il referendum ’Matrimonio civile per tutti’ che apre il matrimonio alle coppie omosessuali con il 64% dei voti favorevoli. Risultati definitivi sono a già a disposizione per il canton Glarona, dove il testo è stato approvato con il 61,12% dei voti , e Nidvaldo, dove il sì ha raggiunto il 61,57%.

I sostenitori

Il parlamento svizzero e il Consiglio federale hanno sostenuto la misura “Matrimonio per tutti”, e i sondaggi effettuati prima del referendum hanno mostrato un solido sostegno da parte degli elettori. La Svizzera autorizza le unioni civili tra persone dello stesso sesso dal 2007. I sostenitori della misura affermano che la norma metterebbe i partner dello stesso sesso sullo stesso piano legale delle coppie eterosessuali, ad esempio consentendo loro di adottare bambini e facilitando la cittadinanza per i coniugi dello stesso sesso. Per gli oppositori sostituire le unioni civili con i pieni diritti matrimoniali minerebbe le famiglie basate sull’unione tra uomo e donna.

Loading…

Le reazioni in Italia

«Bella notizia: gli svizzeri hanno approvato il referendum sul matrimonio alle coppie omosessuali con il 64% dei voti a favore. Visto che ora l’Italia diventa ufficialmente l’unico Paese dell’Europa occidentale senza i matrimoni egualitari, direi che è il caso di metterci in pari”. Così su Twitter, Marco Furfaro, della direzione nazionale del Pd».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi