CulturaWhite chiude con record di presenze: 13mila visitatori, 85%...

White chiude con record di presenze: 13mila visitatori, 85% buyer

Tornata finalmente in presenza, l’edizione di settembre di White si è chiusa con presenze da record: il salone-evento della moda contemporary, con la direzione artistica di Massimiliano Bizzi e di Beppe Angiolini, è stato visitato da oltre 13mila persone, di cui l’85% buyer, da negozi come Lane Crawford (Miami, Los Angeles), The Webster Miami, Al Tayer Group, matchesfashion.com, Voo Berlin, Majid Al Futtaim (United Arab Emirates e Cairo), Galeries LaFayette (UAE) Apropos Koeln (Amburgo), fra gli altri.

Massimiliano Bizzi, fondatore e direttore creativo di White, con Madame, che si è esibita nella serata finale

«I risultati inaspettati particolarmente positivi di questa edizione premiano la qualità del lavoro e della nuova strategia della manifestazione e mi rendono orgoglioso della connessione con Milano, città che si è dimostrata forte e reattiva – ha commentato Massimiliano Bizzi, founder di White -. Quello che ho progettato oltre un anno fa – mettere in rete e in dialogo i diversi player del sistema moda – sta finalmente prendendo forma».

Loading…

Il successo di White è stato supportato da una nuova formula: «Non bisogna ripartire da dove la pandemia ci aveva fatto fermare, ma partire verso tempi nuovi», ha detto Bizzi,che per il rinnovamento di White si è ispirato a Sign o’ the Times, il titolo della canzone di Prince. «Abbiamo usato il forzato stop per pensare e progettare, insieme a Beppe Angiolini, la sua identità. Oggi, più che una fiera, White è un evento, un momento di ispirazione che colga, appunto, lo spirito dei tempi. Per questo, ad esempio, anche negli allestimenti abbiamo ripensato gli stand come spazi evidenziati dalla luce, per renderli più belli possibile. La luce che ci è mancata quando eravamo chiusi in casa, luce che illumina la fine del tunnel».

Tagliatore in 7 Secret Rooms

Gli espositori di questa edizione sono stati oltre 290, e per la prima volta il British Fashion Council, che aveva scelto finora sempre Parigi, ha portato a Milano 12 dei suoi talenti emergenti. Con il sostegno dell’Ice e del ministero degli Affari Esteri, e in partnership con Confartigianato Imprese, White ha ospitato anche 18 progetti speciali, come quelli dedicati a Swarovski e a Vivienne Westwood. Uno dei più interessanti è stato 7 Secret Room, spazio espositivo di sette stanze emozionali progettate da Dimorestudio, al quale hanno partecipato altrettante aziende d’eccellenza del made in Italy come Kiton, Tagliatore, Borsalino e Aspesi, «aziende che non avevamo mai avuto prima – nota Bizzi – . Credo che ci sia voglia di novità, anche da parte delle aziende, non di ripetere semplicemente quello che si faceva prima della pandemia. Per noi un segno dei tempi è anche la caduta delle barriere, quella fra uomo e donna, fra il bianco e il nero, e dare spazio al talento dei giovani, come quello di Marcello Pipitone, artista e designer, che abbiamo scelto per l’immagine della nostra locandina».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Taormina il nuovo tweet: “Prendersela con la Meloni è razzista”

Carlo Taormina ed il nuovo tweet sugli attacchi all'aspirante primo ministro del centrodestra unitamente cui dice la sua sul tema: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” Leggi tutto Taormina il nuovo tweet: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” su Notizie.it.

Articoli correlati
Raccomandato a voi