CulturaLa Prairie celebra la notte con l’artista digitale Maotik

La Prairie celebra la notte con l’artista digitale Maotik

Un gioco di effetti scintillanti, che ci trascina nella luce della sera, funge da prologo. Successivamente arriva il momento in cui il tempo si dissolve e arrivano i sogni, uno
alla volta per poi svanire. Lampi di luce si moltiplicano e pulsano in un ritmo incostante. Alla fine, nel cuore della notte, emerge il centro splendente: un cerchio luminoso tinto di blu cobalto risplende in contrasto con l’oscurità circostante; un punto di serenità che alla vista aumenta d’intensità a ogni movimento. Sense of Blue, dove ogni cosa è un simbolo, ci ricorda quanto le nostre sensazioni più intime e naturali siano legate agli elementi naturali che ci circondano.

Da specialista in ambienti interattivi, Maotik è una figura di spicco nell’arte digitale, un campo che mette l’innovazione e la competenza tecnologica al servizio della bellezza.
Un approccio che va profondamente all’unisono con la visione de La Prairie, dove arte e scienza sono collegate indissolubilmente. Inoltre, Maotik vede la natura come una
fonte vitale di ispirazione: «I fenomeni naturali mi aiutano a capire e a vedere il mondo attraverso occhi differenti. La luce ha il potere di cambiare la prospettiva di uno spazio».

Questo cambiamento di visione, astratto e fisico, concilia scienza e natura, due termini che teniamo abitualmente separati tra loro. Eppure, nonostante questa opposizione comune, è importante ricordarsi che scienza e natura si sono da sempre alimentate tra di loro. Le scoperte e invenzioni più importanti sono nate spesso grazie al dialogo tra le due. Questo dialogo è al cuore di La Prairie.

Nel 1931, quando il Dr Paul Niehans fondò questo istituto di ricerca estetica, era ispirato dallo splendore naturale della Svizzera, le Alpi circostanti e il Lago Léman.

Sense of Blue apre un nuovo capitolo artistico che da voce al lancio di Skin Caviar Nighttime Oil – una nuova creazione nella collezione di La Prairie – e pone la notte al
centro di un avanzato rituale di bellezza. Un lavoro artistico multiforme che sfrutta ogni tempo, passato e futuro, per lasciare la sua impronta nel presente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi