AttualitàDal casolare al supermercato, i 200 passi della madre...

Dal casolare al supermercato, i 200 passi della madre di Alex, il bimbo ucciso a Città della Pieve

DALLA NOSTRA INVIATA
CITTA’ DELLA PIEVE — Ecco il percorso che Erzesbet Bradacs — una donna di 44 anni, di origini ungheresi, fermata con l’accusa di aver ucciso il figlio — ha compiuto con il piccolo Alex, già colpito a morte da 9 coltellate.

Dal casolare diroccato e disabitato che ha fatto da sfondo alla morte del bimbo di due anni, al supermarket della Ludl di Po Bandino, dove è entrata gridando «aiuto» sono meno di duecento metri.

Ma domenica mattina, a distanza di meno di 48 ore dalla morte, quanto è avvenuto sembrava già lontanissimo.

Neanche un segno a indicare il nastro trasportatore della cassa chiusa dove il piccolo è stato deposto dalla madre prima del disperato tentativo di rianimazione dei sanitari del 118.

«È successo lì» indica una commessa, a chi glielo chiede. Senza aggiungere altro.

Mentre la gente in coda, anche famiglie con bambini, non dà peso a quello che è successo.

I fiori per Alex però sono stati portati da passanti commossi di fronte al cancello arrugginito e cadente del casolare che venerdì era aperto.

Eszrebet, secondo quanto ricostruito dalle telecamere di sicurezza, è arrivata ed entrata da lì, venerdì in mattinata. Sola, con Alex nel passeggino. Sembra che abbiano anche mangiato qualcosa. E poi, secondo il suo racconto, l’ha messo a dormire su una coperta, fasciatoio di fortuna, sul lato posteriore del casolare nascosto alla vista delle auto che passavano. Nessun altro è stato visto entrare o uscire.

È lì che sono state trovate le tracce dell’omicidio. Assieme alla felpa della donna insanguinata e alla maglietta di Alex con i tagli.

Lunedì il gip dovrà decidere la convalida dell’arresto chiesta dal pm Manuela Comodi.

Intanto si cerca il padre, ungherese, di Alex per capire se il gesto sia stata una vendetta della donna contro il fatto che lui avesse chiesto l’affidamento del bambino. Nella chat di Whatsapp lei aveva inviato la foto del bambino ferito.

Tra i messaggi lasciati tra i fiori per Alex uno dice: «Non te lo meritavi»

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi