CalcioDa Parma alla Versilia, gli Appennini a due ruote...

Da Parma alla Versilia, gli Appennini a due ruote sulla via Francigena

Superata la piccola Pieve di Bardone, il cammino si ricongiunge alla Strada statale della Cisa. Malgrado sia una statale, la strada è poco trafficata. Da quando, nel 1975, è stata aperta l’Autostrada della Cisa, il traffico dei veicoli a motore passa tutto in basso, sull’autostrada.

Le statue stele di Pontremoli

La Statale è oggi un’arteria con pochissimo transito, quasi un eldorado per i cicloturisti, che possono pedalare in pace, godendosi i panorami dell’Appennino sul versante parmense e, dopo il valico, su quello della Lunigiana, dove un manto boschivo ben preservato dà il benvenuto in una splendida discesa verso il mare.

Passato Montelungo con le sue terme di acque diuretiche, si entra a Pontremoli, “clavis et ianuae Tusciae”, chiave e porta della Toscana, come la definì Sigerico.

Il borgo, in posizione strategica alla confluenza del torrente Verde nel Magra, merita una visita. In alto il Castello del Piagnaro ospita il Museo delle Statue Stele, piccolo ma interessante. È esposta una collezione di stele della Lunigiana, statue antropomorfe scolpite in arenaria fra il quarto e il primo millennio a.C. Forme arcaiche, ma al tempo stesso modernissime. Con l’avvento del Cristianesimo furono considerate “idoli pagani”: molte furono distrutte, fatte a pezzi e reimpiegate come pietre da costruzione.

Prima di lasciare Pontremoli tappa allo storico Caffè degli Svizzeri, dal 1842 sotto i portici di Piazza della Repubblica, per assaggiare gli “Amor”, pasticcini di crema chantilly tra due cialde di wafer.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi