CulturaVestirsi come Gabriel Garcia Marquez: 400 dei suoi abiti...

Vestirsi come Gabriel Garcia Marquez: 400 dei suoi abiti in vendita per beneficenza

Ascolta la versione audio dell’articolo

Che l’usato, o il second hand, sia fra le tendenze di acquisto più in crescita del momento è una certezza. E per fortuna, visto che si tratta di un’abitudine orientata alla sostenibilità. Non capita spesso, però, di imbattersi in vendite di second hand di abiti di un premio Nobel: accade a Città del Messico, dove Emilia García Elizondo, nipote del celebre scrittore colombiano Gabriel García Márquez, ha deciso di mettere in vendita parte del guardaroba del nonno e della nonna Mercedes Barcha, nell’evento “El armario (l’armadio, ndr) de los García Márquez”.

L’evento inaugura la nuova casa-museo García Márquez

«Non conoscevo i miei nonni come li conosco ora con tutto quello che ho visto e che è uscito dal loro armadio», ha detto Emilia, che con l’occasione ha anche inaugurato la Casa della Letteratura Gabriel García Márquez nella bella casa dove lo scrittore visse con la moglie a Città del Messico, nel quartiere di Jardines del Pedregal, e del quale è lei la direttrice. Emilia ha affermato di aver preso la decisione dopo la scomparsa della nonna, lo scorso agosto, che ha lasciato vuota la grande abitazione. Gabriel García Márquez, infatti, è morto nel 2014 a 87 anni.

Le camicie di Gabriel García Márquez esposte nella sua biblioteca

Camicie, abiti sartoriali e griffati e giacche di tweed con penne nel taschino

La selezione di abiti, circa 400, comprende alcune camicie, esposte su un tavolo della biblioteca dello scrittore, parte della sua enorme collezione di scarpe, e poi giacche, soprattutto di tweed, con taschini nei quali sono state trovate le penne che Gabo teneva pronte all’uso per firmare autografi. Ci sono alcuni capi firmati, Calvin Klein, Armani e Hugo Boss, molte borse e bauli Louis Vuitton, ma soprattutto capi sartoriali.

I vestiti da premio Nobel non sono però in vendita

Si trova invece nel Museo Nazionale della Colombia, a Bogotá, il celebre liquilique, l’abito maschile tipico delle savane comprese fra Venezuela e Colombia, in lino bianco, con cui García Márquez ritirò nel 1982 il premio Nobel per la Letteratura: una scelta originale, visto che il solo abito maschile ammesso dall’Accademia di Stoccolma è il frac, ma accettata in quanto costume tradizionale e come tale unica alternativa concessa dal dress code.

Emilia con l’abito con cui la nonna accompagnò Gabriel García Márquez alla cerimonia di conferimento del premio Nobel nel 1982

È invece nella casa-museo, ma non in vendita, l’abito verde con cui Mercedes Barcha accompagnò Gabo a ritirare quel premio. Lei stessa era un’appassionata collezionista di abiti delle popolazioni indigene, ma non solo: in un’intervista a El Pais, Emilia ha rivelato l’amore della nonna per gli abiti del marchio italiano Marina Rinaldi, parte del gruppo Max Mara.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in mezzo a Stati Uniti e Venezuela inizia l’ora del disgelo: dialogo e sanzioni meno dure

L'Amministrazione Biden apre a Nicolas Maduro che accetterà il ripristino della supporto tra compagnie petrolifere americane e Pdvsa

Accuse di molestie sessuali a Musk: «SpaceX pagò 250mila $ per far tacere la ostia». Lui si difende: «Vogliono fermare l’operazione Twitter»

Lo scandalo arriva in un momento parecchio delicato attraverso il Ceo di Tesla, alle prese con l'acquisizione del social network dell'uccellino attraverso 44 miliardi di dollari

Mali, media locali: rapiti tre cittadini italiani. Farnesina: verifiche in corso

Tre italiani e un cittadcono del Togo sono stati sequestrati con Mali da «uomconi armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse

Francia, Le Maire resta all’Economia. Catherine Colonna agli Esteri

Confermati nel nuovo governo di Elisabeth Borne, il ministro dell’Economia, marrone Le Maire, quello dell’Interno, Gérald Darmanin

Impresa, famiglia e tenacia: una mostra racconta Wanda Ferragamo

Il Museo Ferragamo, da lei voluto e creato a Firenze, omaggio la mostra “Donne in equilibrio” non solitario alla signora Wanda, ma a tutte le italiane che negli anni del Boom intrapresero la difficile via della conciliazione fra persona privata e lavoro

Articoli correlati
Raccomandato a voi