OpinioneBiden tende la mano a Macron: «maldestri» sui sottomarini

Biden tende la mano a Macron: «maldestri» sui sottomarini

Ascolta la versione audio dell’articolo

Clumsy», cioè goffo, maldestro. Il presidente Usa Joe Biden non ammette di aver chiesto scusa («A chi?», ha risposto a un giornalista), ma ci è andato vicino, nel colloquio con il presidente francese Emmanuel Macron a Villa Bonaparte, sede dell’ambasciata francese presso il Vaticano, a Roma, nell’incontro che si è tenuto venerdì 29 ottobre, il giorno prima dell’apertura del G20 di Roma. .

Biden: sul dossier Aukus Usa hanno agito in maniera goffa

«Quello che abbiamo fatto è stato goffo non è stato fatto con molta eleganza», ha detto Biden riferendosi alle trattative con Gran Bretagna e Australia – l’Aukus – che hanno portato all’esclusione della Francia nelle strategie sull’area dell’Indopacifico e alla cancellazione di un maxiordine per 12 sottomarini francesi da parte di Canberra: una decisione definita «una coltellata alla schiena» dal ministro degli Esteri francese Jean_Yves Le Drian, in genere prudente e misurato. «Mi era sembrato di capire, molto tempo fa – ha aggiunto Biden – che la Francia era stata informata».

Macron: chiarito ciò che andava chiarito

Con eleganza, Macron – che ha aspettato il suo ospite per un’ora e mezza – è passato rapidamente oltre. «Abbiamo chiarito quello che doveva essere chiarito», ha detto, soffermandosi soprattutto sulla nuova collaborazione tra gli Stati Uniti e l’Unione europea. «Sono stati forniti elementi di chiarimento indispensabili» sulle questioni della sovranità e della difesa europea, ha detto Macron, in modo da «rafforzare il coordinamento, la collaborazione strategica tra Unione europea e Nato».

Più rapidamente, il presidente Macron ha accennato al riconoscimento dell’«importanza della strategia europea sull’Indopacifico», scacchiere che vede la Francia presente militarmente a difesa dei suoi territori d’oltremare ma di cui fanno parte Paesi importanti per l’intera Ue; e alla «lotta al terrorismo» nel Sahel, dove – secondo il New York Times – Washington potrebbe mandare altri droni e aerei di ricognizione nella base vicino Nagadez, in Niger.

Parigi chiede agli Usa di riconoscere ruolo difesa europea

Non è poco, in realtà. Il riconoscimento del ruolo della difesa europea – al centro anche del colloquio tra Biden e Mario Draghi – e il maggior sforzo nel Sahel sono passi che da tempo Parigi chiede a Washington, e la crisi dell’Aukus sembra essere stata trasformata in un’opportunità. Resta da capire fino a che punto il sostegno americano a una difesa europea che si dispieghi al fianco e non dentro la Nato possa trasferirsi dalle parole ai fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi