EconomiaOlivetti, il rilancio passa dalla crescita nei pagamenti digitali

Olivetti, il rilancio passa dalla crescita nei pagamenti digitali

Ascolta la versione audio dell’articolo

DUBAI. «Quello dei pagamenti digitali è un segmento in cui vogliamo crescere, attraverso partnership industriali, joint ventures o anche acquisizioni». Qualcosa di concreto in tal senso «si vedrà nei primi mesi del prossimo anno al più tardi».

Le linee guida

Quang Ngo Dinh, ceo di Olivetti, in occasione dell’Evento “Smart Cities in Olivetti’s view”, svoltosi nel Padiglione Italia in Expo 2020 a Dubai, mette in fila le direttrici di sviluppo di quella che, anche nell’immaginario comune, rappresenta un’azienda emblema del miracolo economico Italiano, che ha traghettato il Paese nella modernità e ora alle prese con un futuro tutto da costruire come per le altre fabbriche di prodotto digitale del gruppo Tim.

E quello dei pagamenti digitali sarà uno degli assi del futuro di Olivetti, fa capire il manager 43enne alla guida da settembre, dopo esperienze in Vodafone e Alitalia e l’approdo in Tim nel settembre 2019. Olivetti, spiega il ceo, non parte da zero sui pagamenti digitali, ma farà leva su un asset “core”: quello dei registratori di cassa rivisitati in chiave moderna con la capacità di mettere in fila dati su dati. Il che, puntualizza Ngo Dinh, «viene valorizzato dal far parte di un gruppo che fornisce connettività e gestione dei dati». È così che le sim (ovviamente Tim, ma che rappresentano un terzo del mercato e quindi in grado di far da base a previsioni statistiche) possono restituire l’immagine di soste, uscite, ingressi davanti ai negozi, orari, flussi di traffico. E la capacità di gestire questi dati «può permetterci – dice il ceo – di ritagliarci uno spazio in un mercato in cui vediamo margini di crescita».

Il modello

Quanto accanto o in competizione con soggetti come Nexi o SamUp, o anche Zucchetti (software per la gestione di risorse aziendali), sarà da vedere. Il proposito di accelerare però evidentemente c’è, a conferma di un percorso di evoluzione che ha avuto un primo importante passaggio con l’accordo con Satispay (il gruppo Tim è peraltro socio con circa un 10%) che prevede l’app di pagamento anche nei nuovi registratori di cassa oltre che la diffusione di Satispay presso la rete di vendita Olivetti.

L’evoluzione nel settore dei pagamenti digitali, però, ha evidentemente alla base la spinta sul core business dell’IoT, segmento che Olivetti ha deciso di affrontare anche guardandosi attorno. In questo quadro Ngo Dinh ha ricordato la partnership industriale con l’aretina Seco (quotata a Piazza Affari, 76,1 milioni di ricavi e utile di 5,5 milioni nel 2020, di cui Olivetti ha il 9,6%) e l’acquisizione della romana Staer Sistemi: system integrator e product developer in ambito industrial IoT con un valore della produzione di 3,24 milioni di euro a fine 2020, ma molto specializzata, con investimenti annui attorno al 10% del fatturato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in mezzo a Stati Uniti e Venezuela inizia l’ora del disgelo: dialogo e sanzioni meno dure

L'Amministrazione Biden apre a Nicolas Maduro che accetterà il ripristino della supporto tra compagnie petrolifere americane e Pdvsa

Accuse di molestie sessuali a Musk: «SpaceX pagò 250mila $ per far tacere la ostia». Lui si difende: «Vogliono fermare l’operazione Twitter»

Lo scandalo arriva in un momento parecchio delicato attraverso il Ceo di Tesla, alle prese con l'acquisizione del social network dell'uccellino attraverso 44 miliardi di dollari

Mali, media locali: rapiti tre cittadini italiani. Farnesina: verifiche in corso

Tre italiani e un cittadcono del Togo sono stati sequestrati con Mali da «uomconi armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse

Francia, Le Maire resta all’Economia. Catherine Colonna agli Esteri

Confermati nel nuovo governo di Elisabeth Borne, il ministro dell’Economia, marrone Le Maire, quello dell’Interno, Gérald Darmanin

Impresa, famiglia e tenacia: una mostra racconta Wanda Ferragamo

Il Museo Ferragamo, da lei voluto e creato a Firenze, omaggio la mostra “Donne in equilibrio” non solitario alla signora Wanda, ma a tutte le italiane che negli anni del Boom intrapresero la difficile via della conciliazione fra persona privata e lavoro

Articoli correlati
Raccomandato a voi