OpinioneElezioni Usa, schiaffo a Biden in Virginia. A New...

Elezioni Usa, schiaffo a Biden in Virginia. A New York sindaco ex agente afroamericano

Ascolta la versione audio dell’articolo

Il repubblicano Glenn Youngkin, 54 anni, è stato eletto governatore in Virginia, battendo il democratico Terry McAuliffe, già governatore dal 2014 al 2018, che aveva condotto la campagna elettorale con Biden e Barack Obama. Il risultato costituisce uno schiaffo per Joe Biden: l’attuale presidente l’anno scorso aveva vinto in Virginia contro Donald Trump con un ampio margine del 10 per cento. Il nuovo governatore ha parlato di ’’un momento decisivo’’ per milioni di abitanti della Virginia che ’’condividevano sogni e speranze’’.

Dopo lo spoglio dei voti, Youngkin ha promesso: «Insieme cambieremo la traiettoria di questo Commonwealth e, amici, inizieremo quella trasformazione dal primo giorno. Non c’è tempo da perdere». Inoltre, «ripristineremo l’eccellenza nelle nostre scuole. Introdurremo la scelta nel nostro sistema scolastico pubblico. Andremo avanti con un curriculum che includa l’ascolto del contributo dei genitori».

A complicare il quadro per il presidente Biden è anche il New Jersey dove, a scrutinio ancora in corso, il democratico Phil Murphy è indietro rispetto al rivale repubblicano Jack Ciattarelli. Il voto nei due stati, e soprattutto in Virginia, è considerato un referendum sul primo anno della presidenza Biden e sull’operato dei democratici, oltre a essere un termometro delle elezioni di metà mandato del 2022.

Il Super Tuesday regala invece al democratico Eric Adams il titolo di sindaco di New York. L’ex agente batte Curtis Sliwa e si appresta a diventare il secondo sindaco afroamericano della Grande Mela. “Metteremo New York su una nuova direzione”, ha detto esultando alla vittoria alle urne, che hanno visto anche il trionfo di Alvin Bragg eletto procuratore di Manhattan. Il 48enne, primo afroamericano a ricoprire tale incarico, erediterà l’indagine su Donald Trump e i suoi affari di famiglia.

A Boston gli elettori fanno la storia e scelgono Michelle Wu come primo sindaco donna e prima asiatica-americana a guidare la città. L’elezione di Wu mostra l’evoluzione sociale di Boston, dove i bianchi sono ormai una minoranza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi