OpinioneSmart working: in Deutsche bank premio di mille euro...

Smart working: in Deutsche bank premio di mille euro e nuovo laptop a chi aderisce

Ascolta la versione audio dell’articolo

Il 40% delle ore di lavoro settimanali a distanza (in alcuni casi fino al 60%) il resto in presenza: un premio di 1000 euro lordi ogni cinque anni e un nuovo laptop per chi è idoneo e aderisce allo smartworking. È questa la formula di lavoro ibrido in Deutsche bank, all’indomani del primo accordo sindacale di questo tipo stipulato nel sistema bancario privato in Germania.

L’intesa scatta dal primo novembre: i dettagli sono accessibili online. Non tutti però potranno aderire alla possibilità di lavorare da casa per il 40% delle ore di lavoro settimanali, equivalenti a due giorni circa: sono esclusi dall’accordo i dipendenti che lavorano nei trading floors, perché per eseguire le operazioni di compravendita sui mercati occorre essere in presenza; non potranno lavorare da casa due giorni a settimana neanche i dipendenti delle filiali e degli uffici commerciali ai quali è richiesta la presenza per assicurare il contatto con la clientela. In casi eccezionali, per contro, la banca è disposta ad accettare fino al 60% delle ore settimanali a distanza. Attualmente, poco meno del 50% dei dipendenti di Deutsche bank lavora in presenza. Al picco della crisi del coronavirus e nel periodo di lockdown massimo, l’85% dei dipendenti della banca ha lavorato da casa e l’operatività complessiva non ha riscontrato grandi problemi.

Il messaggio principale di Deutsche bank ai dipendenti, tuttavia, continua a porre la sede di lavoro al centro dell’attività lavorativa: l’ufficio resta «il nostro principale posto di lavoro, un luogo dove incontrarsi per lavorare insieme, per essere creativi e per socializzare». A questo fine, le aree di lavoro sono state ridisegnate e ricostituite: sono aumentate le sale riunioni e i luoghi di incontro tra dipendenti mentre sono state modificate – e ridotte – le scrivanie e le singole postazioni di lavoro.

Deutsche bank, come tutte le banche tedesche, ha colto l’occasione della pandemia e del lavoro a distanza durante il lockdown per inquadrare, con un nuovo accordo con i sindacati, lo smart working in modello di business modernizzato. Al tempo stesso, la chiusura delle filiali non più necessarie è stata accelerata e potenziata. Alla fine del terzo trimestre di quest’anno, Deutsche bank ha confermato una forza lavoro pari a 84.512 dipendenti a tempo indeterminato, con 715 nuove assunzioni nel trimestre per sostenere la crescita di alcune aree di business più redditizie.

Uno dei target del piano di trasformazione di Deutsche bank, avviato nell’estate del 2019, prevedeva una forza lavoro ridotta a 70.000 unità. Ma questo obiettivo non è più assoluto nè centrale nella strategia di rilancio della banca, perché la ristrutturazione, che taglia i rami secchi per ridurre i costi e che punta sulle attività che generano profitto, sta richiedendo più investimenti e un potenziamento delle risorse umane nelle aree più redditizie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi