CulturaModello di distribuzione ibrido e multicanale per la startup...

Modello di distribuzione ibrido e multicanale per la startup digitale VitaVi

Ascolta la versione audio dell’articolo

Un programma di partnership che ha come target farmacie, parafarmacie, boutique retail e negozi alimentari specializzati: è la strategia di sviluppo della startup digitale italiana che vende online integratori alimentari, per rendere ibrido e multicanale il processo di acquisto, adeguandosi alle esigenze della propria clientela in un momento in cui il consumo di integratori sta aumentando: nell’ultimo anno, infatti, 2 italiani su 3 hanno acquistato integratori alimentari.

Il progetto, che sta già avendo una sua fase pilota grazie alla collaborazione con alcuni negozi sul territorio nazionale, punta ad accelerare ulteriormente lo sviluppo dell’azienda. Se nel corso del 2020 l’Italia ha visto crescere l’utilizzo di integratori alimentari (+28% nel consumo di vitamine, minerali, immunostimolanti e probiotici), il ricorso a supporti di questo tipo appare ormai un’abitudine presente, piuttosto che un comportamento dettato dall’incertezza vissuta nei primi mesi di pandemia: secondo un’indagine realizzata da Ipsos per VitaVi, il 66% degli italiani che assumono integratori alimentari sta continuando ad adottare le abitudini di utilizzo modificate a causa del Covid-19.

Mentre farmacia e parafarmacia rappresentano i contesti in cui tradizionalmente si acquistano di più questi prodotti – lo indica il 63% del campione che ne ha fatto ricorso – il 44% di chi ha utilizzato un integratore l’ha comprato online: complice la pandemia, si è passati tramite le piattaforme generaliste di e-commerce (48%), i siti delle farmacie online (46%), i siti dei produttori (29%).

Sviluppata da Francesco Citoni e Andrea Pregnolato, VitaVi offre una gamma di integratori multivitaminici per il benessere generale fisico e mentale, oltre che prodotti in grado di rispondere a esigenze specifiche, come quelli per ridurre lo stress, difendere il sistema immunitario, favorire il sonno e per la cura della pelle. A coordinare il comitato scientifico dell’azienda è Arrigo Cicero, professore di scienze tecniche dietetiche applicate all’Università di Bologna e presidente del Sinut.

Per limitare l’impatto sull’ambiente, la startup utilizza barattoli per capsule in Pla biodegradabili e compostabili, ricavati dalla canna da zucchero. Le etichette sono prodotte in plastica bio-based, mentre le buste di spedizione sono fatte di Paptic un materiale innovativo prodotto da fonti rinnovabili che è completamente riciclabile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi