CulturaLa moda si rimette in viaggio: da Parigi a...

La moda si rimette in viaggio: da Parigi a Venezia, gli eventi più attesi dell’estate

Dopo il revenge shopping, è iniziata l’era del revenge show? La sospirata e a quanto sembra avviata fine della pandemia ha già avuto un effetto rimbalzo sugli acquisti di abbigliamento, soprattutto in Cina e negli Stati Uniti, dove il Covid ha rallentato prima di altri Paesi. E una sorta di rimbalzo creativo si sta registrando anche nel calendario delle prossime sfilate haute couture e cruise, le prime a cogliere i benefici della campagna vaccinale, ma che manterranno un’anima digitale con la contemporanea trasmissione in streaming, innovazione destinata a diventare permanente.

Dopo aver annullato gli eventi del 2020, alcuni atelier stanno preparando un ritorno trionfale, spesso in presenza di pubblico, seppure ancora contingentato e accolto secondo le regole sanitarie ancora in vigore: il centro della settimana della couture resterà Parigi, dal 5 all’8 luglio, anche se solo lunedì 7 giugno la Fédération de la haute couture rilascerà la prima bozza del calendario. Molto atteso il ritorno di Balenciaga alla couture (e un debutto per Demna Gvasalia in questa categoria), che presenterà la collezione nel rinnovato atelier di monsieur Cristóbal, al 10 dell’Avenue Georges V. Sempre nella capitale francese, Giorgio Armani presenterà la collezione Privé, il 3 luglio nell’ambasciata d’Italia.

Loading…

I riflettori delle sfilate sono puntati anche su Venezia, città simbolo di rinascita e resilienza fin dalle sue origini, dove è in corso la Biennale di Architettura e che sta organizzando quella del Cinema di settembre: Saint Laurent donerà alla città un’installazione di Doug Aitken che farà da sfondo alla sfilata del menswear il 14 luglio, e il giorno dopo Valentino porterà nella Serenissima la sua collezione couture ribattezzata Valentino Des Ateliers.

Il 17 giugno si annuncia emozionante la sfilata della collezione Cruise 22 di Dior allo Stadio Panathinaiko di Atene, dove nacquero le prime Olimpiadi moderne, che garantirà un comodo distanziamento agli ospiti ed è luogo e simbolo di ripartenza, slancio e fiducia. Un assaggio di futuro che è anche un omaggio al passato della maison: Christian Dior scelse infatti l’Acropoli per presentare la sua collezione nel 1951, esattamente 70 anni fa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi