CulturaKering cede Girard-Perregaux e Ulysse Nardin

Kering cede Girard-Perregaux e Ulysse Nardin

Ascolta la versione audio dell’articolo

I due storici marchi orologieri svizzeri Girard-Perregaux e Ulysse Nardin escono dalla galassia di Kering, secondo gruppo del lusso al mondo dopo Lvmh. Ad annunciarlo è stato un comunicato rilasciato dal gruppo francese, che ha reso noto l’accordo di cessione del 100% della sua partecipazione in Sowind, società proprietaria dei due brand, all’attuale management. Girard-Perregaux era interamente controllata da Kering dal 2011, anche se già dal 2008 il gruppo era presente con una partecipazione di minoranza; Ulysse Nardin era arrivata nel 2014 (nelle foto in alto, il Tourbillon con Three Flying Bridges, Aston Martin Edition, e il Torpilleur Moonphase)

I motivi dell’operazione

Jean-François Palus, direttore generale di Kering, ha spiegato che «il lavoro svolto in profondità dal gruppo Kering in Girard-Perregaux e Ulysse Nardin negli ultimi anni ha posto le basi di una crescita duratura. Kering ha dimostrato la capacità di porre le condizioni per uno sviluppo a lungo termine dei marchi destinati a uscire dal gruppo stesso, nell’interesse dei loro collaboratori, dei partner e dei clienti, nonché dei territori in cui operano».

La visione per la divisione orologi

La strategia del gruppo è quella di concentrare risorse su quei marchi che possono diventare sempre più centrali al suo interno. Dal punto di vista orologiero, sembrano andare in questo senso gli investimenti fatti, ad esempio, su Gucci, maison di punta del gruppo Kering, che nel 2021 ha lanciato la sua prima famiglia di prodotti di alta orologeria, e ha anche svelato il suo primo movimento meccanico realizzato in-house.

Il futuro di Girard-Perregaux e Ulysse Nardin

Per quanto riguarda Girard-Perregaux e Ulysse Nardin, la loro lunga storia continuerà con la guida di Patrick Pruniaux, dal 2018 presidente e ceo di entrambi i marchi: «Grazie alle solide fondamenta realizzate con il sostegno e con gli investimenti di Kering, oggi disponiamo dei mezzi necessari per dar vita a un progetto di lungo termine in grado di assicurare lo sviluppo sostenibile dei due marchi», ha spiegato.

In fiera a Ginevra alla fine di marzo

Ulysse Nardin sarà tra i protagonisti della prossima fiera di Watches and Wonders in calendario a Ginevra dal 30 marzo al 5 aprile. Infine, da Kering hanno fatto sapere che l’operazione si concluderà nei primi sei mesi del 2022 e che gli effetti finanziari di questa cessione saranno contabilizzati nei bilanci chiusi il 31 dicembre 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi