CulturaDal Lazio alla Toscana crescono le start up della...

Dal Lazio alla Toscana crescono le start up della moda sostenibile

Ascolta la versione audio dell’articolo

Secondo Joseph Schumpeter l’innovazione è saper fare le cose vecchie in modo nuovo. In questo senso le start up che stanno ripensando settori storici del made in Italy come quello del tessile-moda sono fra le più reali fonti di innovazione. Dai materiali ai processi produttivi, fino ad arrivare al prodotto finale, a guidarle è la ricerca della sostenibilità, uno dei driver principali dell’industria della moda: sostenibilità che può significare tutelare filiere a rischio estinzione (come fa il progetto Wuuls con la lana abruzzese), dare nuova vita a materiali di scarto (che diventano scarpe di lusso con Prota Fiori nelle Marche, o nuovo tessuto di cashmere con Refabrics nel distretto di Prato), valorizzare piccole realtà artigiane grazie all’e-commerce (lo scopo di Ob Fashion, piattaforma basata in Umbria), sostituire le tinture chimiche con quelle derivanti da piante e fiori (come fa Eleonora Riccio a Roma).

Oltre il 31% delle start up innovative nelle regioni del Centro Italia

Le start up che lavorano sulla sostenibilità sono anche sempre più ricercate e in certi casi sostenute da grandi gruppi e aziende del settore a caccia di idee innovative, come ha sottolineato di recente l’edizione 2021 del report Global Powers of Luxury Goods di Deloitte. Secondo il recente Osservatorio sull’Open Innovation e il Corporate Venture Capital Italiano, il 31,1% delle start up innovative italiane si trova nelle regioni del Centro: il Lazio è la seconda regione del Paese (dopo la Lombardia, che ne raccoglie il 26,8%) con una quota dell’11,6%, seguito da Emilia Romagna con il 7,8% e dalla Toscana con il 4,7%.

Moda, 10 start up sostenibili da tenere d’occhio

Photogallery10 foto

Visualizza

I progetti in Toscana

Proprio dai distretti della moda di questa regione provengono alcune delle start up più interessanti per il settore, coinvolte, tramite il Museo del Tessuto di Prato che ne è partner, nel progetto europeo Stand Up!, lanciato nell’ambito dell’Eni Cbc Med, programma di cooperazione transfrontaliera nell’area del vicinato mediterraneo: attivo per tutto il 2022, rivolto principalmente a imprenditori under 35 e a donne, e con un fondo di 3,7 milioni di euro, sostiene la crescita di start up impegnate nella moda sostenibile e circolare. Sempre in Toscana, il Murate Idea Park, incubatore di impresa della Scuola Scienze Aziendali e Tecnologiche Industriali “Pietro Baldesi” di Firenze, si occupa della necessaria formazione digitale di aziende artigiane della città e tramite il bando Call for Fashion sta seguendo la crescita del brand di sneaker vegane Id Eight, attivo fra Firenze e il distretto calzaturiero delle Marche.

Nel Lazio la prima legge che sostiene il sistema moda regionale

Nel Lazio lo scorso novembre il Consiglio Regionale ha approvato una legge che stanzia 1,9 milioni di euro per il 2022 e il 2023 proprio per sostenere il sistema moda della Regione e che prevede anche percorsi di formazione dedicati a studenti incentrati su produzioni di eccellenza del territorio come l’alta sartoria. Durante la prossima edizione di AltaRoma, prevista dal 2 al 5 febbraio, saranno rivelati anche i vincitori del concorso Roma Young Talents, progetto sviluppato insieme alla Camera di Commercio per supportare i giovani designer dell’area metropolitana di Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi