OpinioneSpazio, lanciato il satellite Cosmo-SkyMed. Ecco il suo compito

Spazio, lanciato il satellite Cosmo-SkyMed. Ecco il suo compito

Ascolta la versione audio dell’articolo

È partito dalla base di Cape Canaveral, in Florida, alle 0:11 ora italiana del 1 febbraio uno dei pezzi più pregiati dell’ingegneria spaziale italiana: il nuovo satellite Cosmo-SkyMed di seconda generazione. Un Falcon 9, razzo in parte riutilizzabile di SpaceX, ha portato in orbita il satellite, oltre 2200 chili di massa, che, per qualche tempo, si affiancherà agli altri 5 già operativi, che costituiscono una costellazione per l’osservazione della Terra con tecnologie radar, unica nel suo genere e, val la pena di dirlo, molto apprezzata anche a livello internazionale.

È finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, Asi, su fondi del Ministero dell’Università e Ricerca e del Ministero della Difesa, dato che è un satellite a uso duale, per usi civili e militari. Una modalità, questa, insolita specie per noi, ma che si è rivelata vincente per realizzare e gestire questa complessa operazione in cui l’industria italiana del settore ha dato veramente il meglio di sé, con le due joint venture di Leonardo, Thales Alenia Space e Telespazio, ma anche con il concorso di tante pmi che potenziano il settore spaziale nazionale.

Una partenza perfetta ma sofferta, al quinto tentativo: per tre giorni il meteo avverso ha impedito la partenza e la quarta volta, quando tutto sembrava procedere al meglio, a soli 33 secondi dalla partenza è stato bloccato il conto alla rovescia. Incredibile a dirsi, ma una nave passeggeri per crociera è stata segnalata, all’ultimo momento, mentre viaggiava tranquillamente al largo della costa della Florida nella zona rossa, quella in cui, per prudenza, non deve esserci nulla e nessuno durante il lancio. Finalmente al quinto giorno, e quinto tentativo, tutto è andato al meglio e ora il complesso satellite può iniziare a lavorare.

Cosmo SkyMed in fase di test

Thales Alenia Space, joint venture tra Thales 67% e Leonardo 33%, ha in carico il programma COSMO-SkyMed di Seconda Generazione: progettazione e sviluppo dei satelliti e progettazione, integrazione e messa in servizio del sistema end-to-end, punto, quest’ultimo, che cura con Telespazio, a suo volta joint venture fra Leonardo 67% e Thales 33%, per quanto riguarda il fondamentale segmento di terra. Sarà dal Fucino, base storica di Telespazio, che verranno gestite le prime fasi del lancio fino alla messa in orbita.

A questo punto abbiamo attorno alla Terra 6 di questi satelliti, 4 di vecchia generazione, lanciati tra il 2007 e il 2010, e due, con questo, di nuova e più performante generazione: nel prossimo futuro i “vecchi” verranno deorbitati man mano che gli altri due di nuova generazione verranno inseriti in orbita. Una staffetta spaziale che ci permette di avere sempre il meglio a disposizione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi