OpinioneChip, l’Europa vuole smarcarsi dall’Asia con un piano da...

Chip, l’Europa vuole smarcarsi dall’Asia con un piano da oltre 40 miliardi

Ascolta la versione audio dell’articolo

Martedì prossimo l’Unione europea svelerà un progetto da almeno 42 miliardi di euro di investimenti pubblici in favore dell’industria dei semi-conduttori entro il 2030 per raddoppiare la sua quota di mercato nel settore.

«È un momento estremamente importante per l’Europa, perché per la prima volta sta cambiando le regole sulla politica della concorrenza, in particolare sugli aiuti di Stato», ha dichiarato il commissario europeo al Mercato interno, Thierry Breton, che guida il progetto di legge denominato Chips Act. Breton ha indicato come possibile modello il Defense Production Act americano, che conferisce poteri di emergenza al governo per dare priorità alle necessità industriali del Paese.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha fissato l’obiettivo di raddoppiare la quota di mercato dell’Ue nel settore dei semiconduttori al 20% della produzione mondiale entro la fine del decennio per ridurre la dipendenza dall’Asia. Considerando che si stima che il mercato globale dei semiconduttori raddoppierà in questo decennio, la produzione europea dovrà quadruplicare.

Per farlo, la Commissione europea approverà martedì 7 febbraio un forte sostegno pubblico. Bruxelles prevede sovvenzioni per 12 miliardi di euro (6 miliardi dall’Ue e 6 dagli Stati membri) per finanziare la ricerca di chip più innovativi e lo sviluppo di linee di produzione. Per favorire la realizzazione di impianti di grandi dimensioni e l’innovazione delle piccole imprese, saranno autorizzati 30 miliardi di euro di aiuti pubblici da parte degli Stati membri alle industrie del settore, compresi gruppi extra-europei come Intel intenzionati a investire in Europa. La Commissione spera che questi investimenti pubblici incentiveranno investimenti privati ancora più ingenti.

Le nuove regole consentiranno anche di imporre controlli all’export sulla scia di quanto fatto per i vaccini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi