CulturaIl gruppo Davines cresce a doppia cifra e si...

Il gruppo Davines cresce a doppia cifra e si prepara a sbarcare in Cina

Ascolta la versione audio dell’articolo

Per ogni prodotto venduto nel 2022, una quantità equivalente di plastica sarà raccolta e rimossa dall’ambiente raggiungendo, entro fine anno, la neutralizzazione delle emissioni di plastica e ottenendo la certificazione Plastic Neutral. È l’obiettivo della rinnovata partnership con l’impresa sociale Plastic Bank da parte del gruppo Davines, azienda cosmetica certificata B Corp dal 2016, presente sul mercato con i marchi Davines (haircare) e Comfortzone (skincare), che ha chiuso il 2021 con un fatturato di quasi 192 milioni di euro in aumento del 26% rispetto all’anno precedente.

Il Covid non ha fermato il trend di crescita a doppia cifra che prosegue ormai da undici anni. «Non abbiamo mai smesso di investire sulle persone, sulla ricerca, sulla sostenibilità e sull’internazionalizzazione. Ci siamo mossi con continuità» commenta Davide Bollati, presidente dell’azienda di famiglia fondata a Parma nel 1983 come laboratorio di ricerca specializzato nella realizzazione di prodotti per la cura dei capelli e della pelle.

L’anno scorso il gruppo – che impiega 700 collaboratori (di cui 350 in Italia) di 45 nazionalità con un’età media di 40 anni e oltre il 60% di donne – ha nominato, oltre ad altri cambi nel management, un nuovo amministratore delegato, Anthony Molet, precedentemente ceo di Davines North America, una delle sette filiali estere assieme a quelle di Londra, Parigi, Città del Messico, Deventer, Hong Kong e la neonata Shanghai.

«L’export è sempre stata una voce rilevante del nostro business con un peso sui ricavi di quasi l’80% e una crescita del 29% – aggiunge Bollati -. I Paesi che hanno performato meglio sono stati Nord America (Stati Uniti e Canada) con un +31%, Regno Unito (+53%) e Francia (+39%). Tuttavia anche l’Italia è andata molto bene con un incremento del 16%». La nuova sfida per il gruppo di Parma adesso è l’Asia: «Siamo sempre andati forte in Europa Occidentale e Nord America. Andiamo bene anche in Russia e in Giappone, che è nella top ten dei nostri mercati – spiega Bollati -. Adesso stiamo investendo per entrare in Cina con il nostro modo di lavorare, sostenibile e cruelty free. Per questo da qualche mese abbiamo aperto l’ufficio di Shanghai».

E proprio l’impegno verso etica e ambiente sarà il filo conduttore dello sviluppo dell’azienda quest’anno come in futuro. A partire dalla recentemente fondata B Corp Beauty Coalition – che ha superato le trenta adesioni di aziende – alla collaborazione con Plastic Bank. «La certificazione Plastic Neutral non è un traguardo, ma un altro tassello strategico che vede la rigenerazione al centro del percorso di sostenibilità» conclude Bollati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi