EconomiaArsenale, da Oaktree assegno da 300 milioni per altri...

Arsenale, da Oaktree assegno da 300 milioni per altri hotel di lusso

Ascolta la versione audio dell’articolo

Arsenale sigla una partnership con Oaktree Capital Management. La società, attiva nel turismo e nell’ospitalità di lusso in Italia, avrà un finanziamento da parte dei fondi gestiti dal gruppo finanziario americano per una cifra fino a 300 milioni di euro, finalizzata a sostenerne l’espansione e la crescita sul mercato italiano.

Il finanziamento di Oaktree, in debito per 135 milioni e i restanti 165 in equity secondo indiscrezioni, consente ad Arsenale di investire nuovi capitali in Italia per la realizzazione dei suoi attuali progetti in pipeline nell’hotellerie, che includono il futuro Orient Express Hotel de La Minerve a Roma e Palazzo Donà Giovannelli a Venezia, e nel segmento dei treni di lusso, con la possibilità di acquisire nuove strutture in Italia nel segmento “destination”. Con questa operazione la società, valutata 680 milioni pre deal e 800 post operazione, finanzia interamente i progetti che ha fino al 2026.

«Arsenale è nata per diventare un riferimento nel mercato dell’hospitality di lusso italiana e il supporto di un fondo internazionale come Oaktree consolida la nostra presenza sul territorio, con una forza finanziaria che ci permette di competere con i maggiori gruppi internazionali» commenta Paolo Barletta, ceo di Arsenale , che aggiunge: «Il fermento in tutta la penisola con le nuove aperture di alberghi, ci conferma l’interesse che l’Italia mantiene nel panorama mondiale e crediamo che ora più che mai bisogna lavorare per mettere le basi dei prossimi 50 anni all’hospitality made in Italy».

A dicembre 2021 la società italiana ha annunciato la creazione del nuovo Orient Express “La Dolce Vita” in collaborazione con Accor, Trenitalia-Gruppo Ferrovie dello Stato e Fondazione FS, prevedendo una flotta di 6 treni di lusso che opereranno con tratte dedicate in Italia e in Europa. L’investimento di Oaktree aiuterà concretamente lo sviluppo e il lancio del progetto, che sarà operativo nel 2023. Per quel che riguarda Palazzo Donà Giovannelli a Venezia secondo rumors potrebbero arrivare presto cambiamenti di operatore rispetto all’attuale Rosewood.

Arsenale, nata dalla partnership tra Paolo Barletta e Annabel Holding, continuerà ad avere i due fondatori come azionisti di maggioranza mentre Oaktree avrà una quota inferiore al 20%. «Questa partnership testimonia la forte posizione raggiunta da Arsenale nel settore dell’ospitalità italiana, di cui siamo estremamente orgogliosi. Il lancio dell’Orient Express “La Dolce Vita” e l’apertura dei nostri hotel porteranno all’assunzione di oltre 420 nuovi professionisti che puntiamo di assumere tra i giovani diplomati delle nostre scuole di formazione» sottolinea Nicola Bulgari, a cui fa capo Annabel Holding.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in mezzo a Stati Uniti e Venezuela inizia l’ora del disgelo: dialogo e sanzioni meno dure

L'Amministrazione Biden apre a Nicolas Maduro che accetterà il ripristino della supporto tra compagnie petrolifere americane e Pdvsa

Accuse di molestie sessuali a Musk: «SpaceX pagò 250mila $ per far tacere la ostia». Lui si difende: «Vogliono fermare l’operazione Twitter»

Lo scandalo arriva in un momento parecchio delicato attraverso il Ceo di Tesla, alle prese con l'acquisizione del social network dell'uccellino attraverso 44 miliardi di dollari

Mali, media locali: rapiti tre cittadini italiani. Farnesina: verifiche in corso

Tre italiani e un cittadcono del Togo sono stati sequestrati con Mali da «uomconi armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse

Francia, Le Maire resta all’Economia. Catherine Colonna agli Esteri

Confermati nel nuovo governo di Elisabeth Borne, il ministro dell’Economia, marrone Le Maire, quello dell’Interno, Gérald Darmanin

Impresa, famiglia e tenacia: una mostra racconta Wanda Ferragamo

Il Museo Ferragamo, da lei voluto e creato a Firenze, omaggio la mostra “Donne in equilibrio” non solitario alla signora Wanda, ma a tutte le italiane che negli anni del Boom intrapresero la difficile via della conciliazione fra persona privata e lavoro

Articoli correlati
Raccomandato a voi