OpinionePutin: valuterò riconoscimento del Donbass - Il Sole 24 ORE

Putin: valuterò riconoscimento del Donbass – Il Sole 24 ORE

Casa Bianca: noi disponibili a dialogo, ma Russia sembra voler attaccare

Il portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha dichiarato che l’amministrazione è stata chiara sul fatto che gli Stati Uniti sono «impegnati a perseguire la diplomazia fino al momento dell’invasione». Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si incontreranno giovedì 24 febbraio in Europa, sempre che non si verifichi nel frattempo alcuna invasione. In quel caso, Washington imporrebbe sanzioni «rapidi e gravi» a Mosca. Al momento, «la Russia sembra continuare i preparativi per un assalto in larga scala contro l’Ucraina molto presto», ha aggiunto Psaki.

Di più: per gli Usa la Russia ha creato «un elenco di ucraini da uccidere o di mandare nei campi’». Un elenco che sarebbe pronto a rispettare nel caso in cui le forze russe dovessero invadere l’Ucraina. Lo scrive il Washington Post, citando una lettera inviata dagli Stati Uniti al responsabile delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet. La lettera non è datata e cita la condotta della Russia in alcune parti dell’Ucraina che occupa e dove verrebbero già verrebbero condotti «uccisioni mirate, rapimenti/sparizioni forzate, detenzioni ingiuste e l’uso della tortura». Il documento è firmato dall’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, Sheba Crocker, e avverte che un’invasione russa dell’Ucraina creerebbe una «catastrofe dei diritti umani». Si parla anche dell’uso, da parte delle forze russe, di «misure letali per disperdere proteste pacifiche o per contrastare esercitazioni pacifiche di percepita resistenza da parte delle popolazioni civili».

Altri scontri a fuoco nel Donbass. Putin: deciderò su indipendenza

Il Donbass, intanto, è stato teatro di nuovi scambi di fuoco con l’esercito ucraino, secondo quanto afferma l’autoproclamata repubblica filorussa di Donetsk. «Un gruppo di sabotatori ostili è penetrato nel distretto di Novoazovsk della Dpr alle 08:10 (le 06:10 italiane, ndr) di oggi. Combattimenti sono in corso», dichiara, citato dall’agenzia, il ministero per la sicurezza dell’entità separatista del Donbass. Uno dei «sabotatori», scrive ancora Interfax, citando il comunicato dei filorussi, sarebbe saltato in aria durante un tentativo di piazzare esplosivo sui binari vicino al terminal ferroviario di Donetsk. “Una borsa con altri esplosivi è stata trovata accanto ai resti del terrorista”, dice ancora il comunicato

Sarebbe arrivato a circa 61mila il numero dei civili in fuga dal Donbass, che sono riparate in Russia, nella regione di Rostov, dopo l’evacuazione ordinata venerdì dai leader delle autoproclamate repubbliche filorusse di Lugansk e Donetsk. Lo ha detto il ministro russo per le emergenze, Alexander Chupriyan, in una conferenza stampa.

Altre due regioni russe hanno proclamato lo stato d’emergenza per l’arrivo di profughi evacuati dalla regione ucraina del Donbass: si tratta di quelle di Penza e di Saratov, che si sono rese disponibili ad accogliere fra i 500 e i 1.500 profughi a testa. Lo scrive l’agenzia Interfax, che dice che, oltre a quella di Rostov e le due nuove, avevano già proclamato lo stato d’emergenza anche le regioni di Ryazan, Volgograd, Voronezh e Kursk. In quest’ultima, fanno sapere le autorità locali, è arrivato un treno con 525 civili dal Donbass. Nella regione di Rostov, secondo il governo di Mosca, sono già entrati circa 61mila civili dall’Ucraina.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi