OpinioneGas, cosa può succedere all’Italia se scattano le sanzioni...

Gas, cosa può succedere all’Italia se scattano le sanzioni Ue contro la Russia

Ascolta la versione audio dell’articolo

Il presidente del Consiglio Mario Draghi, nella sua rapida apparizione a Bruxelles la settimana scorsa l’ha detto con estrema chiarezza: l’Italia farà di tutto perché dal pacchetto di sanzioni contro Mosca che scatterà automaticamente in caso di aggressione contro l’Ucraina venga escluso il settore energetico vista la nostra grande dipendenza dalle forniture di gas russo. Ma le aspettative del Governo italiano andranno molto probabilmente deluse.

La decisione sulle sanzioni spetterebbe, secondo le vigenti regole europee all’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell. Il notevole attivismo della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen ha fatto si però che la competenza a decidere i settori sui quali applicare le sanzioni se la sia presa la Commissione lasciando a Borrell e al suo servizio estero solo il cosiddetto ”listing”, ossia l’elenco delle persone fisiche o società russe contro le quali applicare le sanzioni.

Sanzioni Ue concordate direttamente con Washington

Negli ultimi giorni sia la Von der Leyen così come il suo capo di gabinetto e uomo di fiducia, Bjoern Seibert sono stati in stretto coordinamento con gli uffici del Dipartimento di Stato Usa e con il consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan per concordare i settori sui quali intervenire. Il pacchetto, nelle sue grandi linee, è stato già chiuso ma per volontà della stessa presidente della Commissione non è stato messo nero su bianco per evitare fughe di notizie che ne potrebbero compromettere l’efficacia. Si tratta solo di decidere quando farle scattare (il cosiddetto “trigger” grilletto) e con quale modalità ossia a seconda del tipo di violazione da parte dei russi.

Prime sanzioni scatteranno con dichiarazione Putin su indipendenza repubbliche

Un pacchetto più limitato di sanzioni potrebbe scattare già in tempi brevissimi nelle prossime ore nel caso in cui Putin riconoscesse l’indipendenza delle Repubbliche filorusse in Ucraina. Per essere operative le misure dovranno passare tuttavia al vaglio dei Governi degli Stati membri. Le sanzioni dovrebbero riguardare il blocco al trasferimento di tecnologie avanzate mentre per il settore finanziario sarebbe previsto il blocco degli acquisti di titoli sui mercati secondari e l’obbligo di cambiare prima in Euro tutte le transazioni tra rubli e dollari.

Per ora nessun blocco del Swift. Si rischia di alimentare sistema russo-cinese

Non dovrebbero invece scattare al momento eventuali blocchi al sistema di pagamento internazionale Swift, società di software utilizzato ormai da tutte le banche del mondo con sede proprio a Bruxelles. Si teme infatti che un blocco del Swift possa accelerare quel processo già in corso volto ad adottare un sistema di pagamenti alternativo al Swift che è allo studio in Cina e Russia con possibili ripercussioni negative anche sulle transazioni con i Paesi Occidentali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Ucraina ultime notizie. Kiev, servono 750 miliardi per la ricostruzione: Mosca paghi. Putin: «Avanti unitamente l’offensiva»

Zelensky assicura: le truppe ucracone ritorneranno a Lysychansk. Prende il via oggi a Lugano, con Svizzera, l’Ukracone Recovery Conference. Attesa la partecipazione, tra gli altri, del primo mconistro ucracono Denys Shmyhal e della moderatore della Commissione europea Ursula von der Leyen

Chicago, sparatoria alla parata del 4 luglio: almeno 6 morti

Secondo alcuni testimoni, l’attentatore si trovava sul tetto di un negozio e da lì ha scaricato sulla folla

Bundesbank contro lo scudo Bce: le tre condizioni del presidente Nagel

Il nuovo strumento atteso al dirigente del 21 luglio è già sotto attacco. Da Francoforte: «Attenti a usare la sistema monetaria per limitare i premi a rischio»

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Articoli correlati
Raccomandato a voi