CulturaConero Beauty, start up made in Marche naturale e...

Conero Beauty, start up made in Marche naturale e sostenibile

Ascolta la versione audio dell’articolo

Parla di territorialità, clean beauty, formule naturali e vegan, nate sulle pendici del Monte Conero, nelle Marche la nuova linea skincare Conero Beauty. Ideata e realizzata da due giovani imprenditori, con filiera interamente locale, è basata sugli estratti delle piante autoctone del Parco Naturale Regionale del Monte Conero. Tra questi, lo studio e applicazione topica, per la prima volta nel mondo della cosmesi, dell’estratto di paccasasso del Conero (Crithmum Maritimum), vegetale unico nel suo genere e ricchissimo di vitamina C con proprietà antiossidanti, antibatteriche e rigenerative.

«Conero Beauty nasce da un lato dalla nostra passione per la cosmetica e della volontà di creare un brand dermocosmetico autenticamente naturale e che parlasse di territorialità marchigiana con una forte base di scienza cosmetica e innovazione, dall’altro lato dalla mancanza di offerta di cosmesi naturale nel canale farmacia nonostante la nicchia del green beauty sia la fetta del mercato cosmetico a più alto tasso di crescita negli ultimi anni (Cagr +44% in 5 anni fonte Cosmetica Italia) – raccontano Daniele Aloi fondatore insieme a Federico Patrizi della linea in vendita nel canale farmacia e online.

La linea è stata concepita nei mesi del lockdown «quando abbiamo iniziato a studiare l’efficacia cosmetica di una pianta locale, il paccasasso del Conero, superfood conosciuto localmente per le sue alte concentrazioni di vitamina C e già coltivato e adoperato ad uso alimentare – continuano -.Gli studi condotti con un laboratorio cosmetico ci hanno portato a creare un estratto vegetale che adoperiamo come base per tutte le formulazioni dei nostri cosmetici a cui sono aggiunti altri estratti vegetali e principi attivi naturali per creare dei cosmetici completamente naturali, vegan, e al tempo stesso altamente efficaci e tollerabili per le pelli più sensibili».

L’obiettivo della start up al momento è espandere la distribuzione nel canale farmacia il più possibile dentro e fuori la regione Marche. «I nostri sforzi in questo momento sono concentrati sul mercato italiano, ma abbiamo già testato l’ingresso di Conero Beauty in altri paesi in forma solo digital con distributori online verticali di cosmetica, come Abiby in Spagna. Siamo una start up innovativa in forte crescita e siamo adesso in un programma di accelerazione start up gestito dall’Universita Bocconi, Bocconi4innovation, a riprova dell’attenzione del mercato verso questo tipo di cosmetica naturale e della crescita del settore».

La produzione avviene localmente ed è orgogliosamente “made in Marche”, dalla ricerca alla formulazione, dall’approvvigionamento degli attivi all’invasettamento dei cosmetici. Compreso il packaging in carta di Fabriano. «Crediamo molto nel valore delle eccellenze locali e nell’economia di sistema – dicono i due imprenditori -. La nostra distribuzione è duplice: online sul nostro e-commerce proprietario e su multimarca di clean beauty come Abiby e TheBeautyFlow, e offline in farmacia, in cui proponiamo personalmente la marca al farmacista e lo seguiamo da vicino nella parte di consiglio al consumatore. La nostra cosmetica naturale è infatti una cosmetica che va raccontata, approfondita e capita dal farmacista così come dal consumatore finale, fatta di texture particolarmente fluide, un colore e una profumazione che rispecchiano la filosofia formulativa completamente naturale. A oggi siamo presenti in diverse farmacie nelle Marche, soprattutto nella provincia di Ancona e Macerata, a Milano e Bologna».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi