CulturaBenetton lancia il suo primo negozio nel metaverso

Benetton lancia il suo primo negozio nel metaverso

Ascolta la versione audio dell’articolo

Anche le sfilate per l’autunno-inverno 22-23 stanno ospitando le sperimentazioni del metaverso: dopo le creazioni virtuali presentate da Jonathan Simkhai a New York e da Roksanda a Londra, si attendono sorprese digitali anche a Milano. Intanto, proprio durante la fashion week che oggi entra nel vivo, Benetton ha lanciato il suo primo negozio nel metaverso a partire dal negozio fisico in Corso Vittorio Emanuele. Lo store virtuale sarà inaugurato nelle prossime settimane.

«Abbiamo voluto capovolgere l’esperienza immersiva – spiega Massimo Renon, ad di Benetton Group – creando nel retail fisico lo stesso ecosistema emozionale che avrà il nuovo store virtuale nel metaverso che aprirà nelle prossime settimane. Chiunque entrerà nei prossimi giorni nel nostro negozio di Corso Vittorio Emanuele a Milano potrà immergersi in un incrocio tra realtà fisica e connessione digitale, il tutto in un’esplosione di creatività, colori e sonorità».

Nel negozio virtuale di United Colors of Benetton, però, non si acquisteranno capi, ma i visitatori potranno partecipare a esperienze di gaming per poter così accumulare QR code per effettuare acquisti nello store fisico.

«Siamo tra i primi brand a sperimentare l’omnicanalità diffusa, cioè la circolarità tra mondo fisico – metaverso – mondo fisico – spiega Antonio Patrissi, Chief Digital Officer di Benetton Group -. L’intento è offrire un ponte dimensionale tra presente e futuro, tra reale e virtuale, passando attraverso un’esperienza di brand sempre più immersiva e soprattutto vicina al linguaggio dei giovani».

Lo store virtuale offrirà un’esperienza speculare a quella che i visitatori possono provare entrando nelle prossime settimane nel negozio di Corso Vittorio Emanuele. In occasione della settimana della moda, infatti, il flagship store di Milano è stato colorato di rosa, dalle vetrine agli ambienti interni, dalle grucce agli scaffali: lo speciale allestimento durerà quattro settimane e sarà accompagnato dal progetto #playchange, attivo fino al 23 febbraio, con cui cinque celebrities condivideranno le loro storie di cambiamento. Il 23 febbraio, inoltre, tre star di TikTok (Giulia Paglianiti, Davide Vavalà e Anna Ciati) saranno in negozio dalle ore 17 per aiutare i visitatori a cambiare look, con sessioni di styling dedicate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi