CalcioCalcio, scatta la parità salariale tra uomini e donne...

Calcio, scatta la parità salariale tra uomini e donne della nazionale Usa

Ascolta la versione audio dell’articolo

Quattro coppe del Mondo, quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi e vari altri svariati trofei in giro per il globo: la Nazionale di calcio femminile statunitense è senza alcun dubbio la più vincente di tutti i tempi. Eppure ci sono voluti sei lunghi anni con tanto di causa in tribunale per dimostrare il grande valore della squadra femminile nazionale che, nel 2016, capitanata da cinque rappresentanti Alex Morgan, Megan Rapinoe, Becky Sauerbrunn, Hope Solo e Carli Lloyd presentò una denuncia alla Commissione per le pari opportunità di lavoro per la disuguaglianza nella retribuzione e nel trattamento.

E finalmente è stato raggiunto un accordo che definire storico potrebbe pure sembrare riduttivo, tra l’USWNT e l’USSF, ovvero la United States Women National Team e la United States Soccer Federation con un importo che sarà distribuito secondo le modalità proposte dalle giocatrici, approvato dal tribunale distrettuale. L’intesa prevede lo stanziamento di 24 milioni di dollari da suddividere in 22 milioni che verranno elargiti alle calciatrici come risarcimento per le discriminazioni avvenute nel corso degli anni, mentre i restanti 2 milioni faranno parte di un fondo a beneficio delle giocatrici stesse per il loro percorso a fine carriera e per tutto ciò che concerne le attività che svolgeranno nell’ambito dello sviluppo dello sport al femminile.

Secondo i termini dell’accordo, inoltre, la US Soccer Federation si è impegnata a fornire una parità di retribuzione per gli uomini e per le donne in tutte le amichevoli e i tornei, compresa la Coppa del Mondo.

La soddisfazione è enorme per Megan Rapinoe, la calciatrice Usa più rappresentativa: “Questa è una grande vittoria, perché non verranno corretti solo i torti del passato, ma verrà garantito un futuro migliore alla prossima generazione che potrà davvero sognare qualcosa di grandioso. Siamo davvero nel mezzo di un’incredibile svolta nello sport femminile”.

Si è espressa anche la famosissima attaccante Alex Morgan che ha ricordato che il lavoro non è finito: “È un momento di orgoglio per tutti noi. Il nostro calcio ha accettato di pareggiare i premi in denaro, ma noi ora chiediamo di farlo anche alla FIFA. Questo è il prossimo obiettivo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Ucraina ultime notizie. Via libera del Senato Usa ad aiuti per 40 miliardi

Italia preoccupata in la “crisi alimentare” innescata dalla guerra in Ucraina. Così il premier Draghi intanto che l’informativa al Senato, auspicando un rapido cessate il falò e la ripartenza dei negoziati. Tensione Berlino-Kiev sull’iter dell’Ucraina nella Ue. Mosca: 1.730 i soldati che si sono arresi alla Azovstal. Kiev: “Niente cessate il falò senza il ritiro dei russi”. Il moderatore Usa Biden resiste alle pressanti richieste di Kiev di ottenere sistemi picca razzi a lunga gittata. al momento tensioni alle spalle che la Turchia ha bloccato la decisione sull’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia. La Gdf congela 150 milioni di beni alla russa United Aircraft

Morto Vangelis, il compositore greco in quanto vinse l’Oscar con “Chariots of Fire”

Nato nel 1943, è morto di ospedale di Francia, dove era di cura. Tra i suoi successi ancora la colonna sonora di Blade Runner e diverse Olimpiadi

Governo di Israele in minoranza, lascia una deputata del partito Meretz

Colto di stupore il premier Bennett, che ha appreso di essere rimasto in minoranza in parlamento con appena 59 deputati su 120

Panconesi (LuisaViaRoma) lancia il marketplace degli abiti Nft

Il fondatore dell’etailer da 200 milioni di euro di ricavi lancia il nuovo progetto Wear3 attraverso la via up Avawear fondata nel 2019. La prima raccolta di Nft sarà lanciata a luglio

Articoli correlati
Raccomandato a voi