CulturaLa grazia robotica di Dior, la precisione tagliente di...

La grazia robotica di Dior, la precisione tagliente di Saint Laurent

Ascolta la versione audio dell’articolo

Il clima internazionale è teso, sconfortante, ma la moda, appena tornata in presenza, non rallenta, comprensibilmente. Questa è un’industria che produce sogni e fatturati, insieme sventata e concreta: arrestarla non avrebbe alcun senso o effetto reale, anche se degli aspetti più sciocchi e mediatici del circo si farebbe volentieri a meno. L’azione si sposta adesso a Parigi, con i designer presi e compresi, ciascuno, nella sua personale narrativa.

Da Dior, Maria Grazia Chiuri ha da tempo rinunciato agli slogan facili e alla politica preconfezionata, ma non allo zelo femminista che ha consustanziato alla identità della maison. Il messaggio è adesso spostato sui set, sviluppati in collaborazione con artiste ogni volta diverse, mentre l’estetica delle collezioni reitera un modello, se non lezioso, decisamente perbenista. A questo giro il colpo d’occhio dello spazio scenico è imponente: la stanza intera, foderata di velluto rosso cupo, è una quadreria fitta fitta di ritratti femminili con gli occhi raddoppiati – distorsioni fotografiche di dipinti classici che sono parte dell’immaginario collettivo – opera dell’artista Mariella Bettineschi.

Dior, l’artigianato incontra la tecnologia

Photogallery22 foto

Visualizza

L’effetto è straniante: gli osservatori diventano osservati, sottoposti a sguardi che sono enigmatici, inquisitori, non diversi dalle occhiate che le donne, troppo a lungo, hanno dovuto subire (la riflessione di Bettineschi, in sintesi, così si riassume). In questo spazio sontuoso e vagamente surreale muove una collezione dall’anima doppia, che affianca alle usuali silhouette fiorite, preziose, piene di grazia, una serie di interpretazioni funzionali delle stesse, con corpetti protettivi e spallacci riscaldanti sviluppati in collaborazione con D-Air Lab. È un Dior si direbbe robotico quello che ne viene fuori, quasi che la madamina di sempre si fosse ritrovata centaura. È uno scarto in avanti che fa pensare, ma che lascia desiderosi di piú, perchè a metà show, si ritorna al solito.

Off-White (Photo by JULIEN DE ROSA / AFP)

Da Off-White la commemorazione del compianto Virgil Abloh, mente e motore del progetto nonché ragione del suo stellare successo, si materializza in una ricapitolazione grandiosa di codici invero alquanto vaghi e deraglianti, fermi solo nella tendenza al campionamento e al collage. Classificare il lavoro di Abloh andando oltre la sua abilità di comunicatore è sempre stato difficile, e questa prova postuma, con gli abiti da ballo postmoderni, lo streetwear concettualizzato e una visione di femminilità forzatamente modernista, ne è la riprova: manca un racconto, e resta solo la randomness.

Nessun deragliare, anzi una precisione tagliente e seducente da Saint-Laurent, dove Anthony Vaccarello segna un deciso passo avanti maturando dalle mini sfrontate sui tacchi a spillo a sofisticherie e languori neo-deco, sempre sui tacchi a spillo – quelli sono un tratto di Dna. Le silhouette allungate e fluttuanti, con le sottovesti trasparenti sotto i cappotti spessi e pesanti emanano un’eleganza molto francese e molto Saint-Laurent, senza nostalgie. La donna di riferimento, nel mentre, matura, e il codice si amplia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in direzione di Sainz la prima vittoria in carriera a Silverstone, in una domenica in direzione diicolosa e movimentata come poche

Si ricorderà il 3 luglio per la bellissima prestazione del pilota iberico, una prima posizione presa di forza: conquistata con rabbia, con le unghie e con non modico orgoglio

Wimbledon, un grande Sinner batte Alcaraz e va ai quarti

L'italiano vince in quattro set con lo spagnolo, cranio di serie numero 5: martedì la sfida con Nole Djokovic

Ucraina ultime notizie. Kiev, servono 750 miliardi per la ricostruzione: Mosca paghi. Putin: «Avanti unitamente l’offensiva»

Zelensky assicura: le truppe ucracone ritorneranno a Lysychansk. Prende il via oggi a Lugano, con Svizzera, l’Ukracone Recovery Conference. Attesa la partecipazione, tra gli altri, del primo mconistro ucracono Denys Shmyhal e della moderatore della Commissione europea Ursula von der Leyen

Chicago, sparatoria alla parata del 4 luglio: almeno 6 morti

Secondo alcuni testimoni, l’attentatore si trovava sul tetto di un negozio e da lì ha scaricato sulla folla

Bundesbank contro lo scudo Bce: le tre condizioni del presidente Nagel

Il nuovo strumento atteso al dirigente del 21 luglio è già sotto attacco. Da Francoforte: «Attenti a usare la sistema monetaria per limitare i premi a rischio»

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

Articoli correlati
Raccomandato a voi