CulturaSettore orafo oltre i livelli pre Covid, ma un’azienda...

Settore orafo oltre i livelli pre Covid, ma un’azienda su 5 non ha ancora recuperato

I punti chiave

  • Ricavi in salita sul 2019: ricavi medi a +11,9 per cento
  • Il 19% delle aziende (quasi tutte piccole) però non ha registrato alcuna ripresa
  • L’aumento del fatturato dipende anche dall’aumento del costo dei metalli

Ascolta la versione audio dell’articolo

Fatturato medio a 8,8 miliardi di euro, in salita del 54,6% sul 2021 e oltre le stime precedenti che fissavano l’incremento su un + 46,5 per cento. E ricavi in aumento anche sui livelli pre-Covid: +11,9% sul 2019. Le stime elaborate dal Centro Studi di Confindustria Moda per Federorafi disegnano un 2021 all’insegna della crescita per il settore orafo-argentiero-gioielliero (Oag). «Considerando che nel 2020 il fatturato si era portato sui circa 5,7 miliardi di euro, la dinamica 2021 si traduce in un incremento di 3,1 miliardi. Si tratta di un recupero importante e che porta a sorpassare del +11,9%, corrispondente a quasi 940 milioni in valore assoluto, i livelli del 2019», fa sapere Federorafi.

Ripresa sì ma a macchia di leopardo

L’incremento medio sul 2019 è determinato sia da una ripresa delle attività produttive (la stima relativa ai dati forniti dalle aziende a campione porta a quantificare un recupero del +32,3% su base annua) sia da un rialzo dei prezzi dell’oro e degli altri metalli preziosi, ma la ripresa non è omogenea: il superamento dei livelli di fatturato dell’anno 2019 interessa solo il 62% del panel delle aziende intervistate e, di queste, il 35% ha raggiunto livelli «molto superiori», mentre il 27% si è portato su valori di «poco superiori». Rimane però una quota significativa delle aziende che non ha ancora registrato la ripresa: il 19%, e quindi quasi una su cinque, indica di aver chiuso l’anno 2021 su livelli «molto inferiori» rispetto al 2019. Si tratta soprattutto di aziende di piccola dimensione, con fatturato sotto i cinque milioni di euro.

La mancata ripresa non sembra avere un impatto negativo sull’organico delle imprese:  in base a quanto emerso dall’Ottava Indagine Impatto Covid sul settore Tma elaborata dal Centro Studi di Confindustria Moda, il 44% delle aziende a campione dichiara di aver incrementato il proprio organico nel corso del 2021. Per il restante 50% il numero di dipendenti al 31 dicembre 2021 coincide con quello al 31 dicembre 2020, mentre solo per il restante 6% dei casi – indicano una riduzione del personale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi