CulturaCanepa, al via il rilancio: «Giovani talenti e nuovi...

Canepa, al via il rilancio: «Giovani talenti e nuovi prodotti per riconquistare il mercato» 

Ascolta la versione audio dell’articolo

La chiusura ufficiale del concordato è attesa a breve: il rilancio di Canepa, storica azienda tessile del distretto di Como, sta proseguendo velocemente, sostenuto dai 20 milioni investiti a questo scopo lo scorso novembre dal Fondo Salvaguardia Imprese di Invitalia, dal fondo Muzinich&Co. Sgr tramite Az Eltif Capital Solutions (nato dalla partnership tra Muzinich & Co e Azimut), ai quali fa capo il 60% delle quote di Canepa, e da Michele Canepa, che con il 40% resta il maggior azionista singolo dell’azienda di famiglia.

Virginia Filippi, ad Canepa

«Non è un punto di arrivo, ma di partenza – commenta la nuova ad Virginia Filippi, che porta nella società la sua esperienza in operazioni di turnaround, sviluppo e ristrutturazione di aziende -. Il nostro mantra è “innovare nella tradizione”, dunque guardare al futuro a partire dal grande patrimonio dell’azienda. Canepa dà lavoro direttamente a 250 persone, oltre ad avere un importante indotto nel distretto; possiede un proprio impianto di tessitura e un archivio con oltre 15mila volumi fra disegni e tessuti, in parte già digitalizzati con scanner 3D che ne valorizzano anche lo spessore». Dopo la pandemia e un periodo difficile per l’intero settore, Canepa è pronto a riconquistare il suo mercato: «Il nostro primo obiettivo è riprendere credibilità e rapporti con i nostri grandi clienti, le maison del lusso, che per policy interna non hanno potuto rifornirsi da aziende che non fossero in condizioni ottimali come eravamo noi – nota l’ad -. Abbiamo un grande vantaggio in Italia e Francia, ma vogliamo recuperare anche lo storico presidio nel Far East per poi guardare agli Stati Uniti e al resto d’Europa».

Tessuti della collezione PE 2023

Canepa punterà sulle sue storiche categorie di prodotto, a partire dalle cravatte – «per le quali stiamo riscontrando un deciso aumento di interesse», nota Filippi – e gli accessori a marchio Fiorio Milano, presentati all’ultimo Pitti Uomo con un ottimo riscontro: «Abbiamo ampliato l’offerta homewear, con accessori da indossare in casa anche mentre si è in smartworking, e vogliamo aumentare la nostra presenza nel tessile per arredamento», aggiunge l’ad.

L’obiettivo è accelerare la crescita nel 2023-24 per tornare a una piena valorizzazione nel 2025: «I nostri sono investitori pazienti, che mirano a una crescita sostenibile e sana. Ci riusciremo anche grazie a investimenti mirati a coinvolgere i giovani talenti, con il lancio di un’academy aziendale che coinvolga sia la comunicazione sia la creatività, per mettere a punto prodotti capaci di incontrare il gusto delle nuove generazioni», conclude Filippi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi