CulturaGCDS corona il allucinazione di una boutique a Capri,...

GCDS corona il allucinazione di una boutique a Capri, tra accessori e ceramica

Dal costa di Napoli a quello di Brighton, che non è esattamente lo stesso. Da una megalopoli europea, Parigi, alla New York che non dorme mai (almeno fino a prima del Covid) a Shanghai. Tutto (molto) prima di aver terminato 30 anni. Forse non dovrebbe stupire che Giuliano calzettone – forte dell’osmosi tra tante culture e stili di vita diversi e di molte esperienze di diligenza e mansione concentrate in pochi anni – abbia creato, insieme al fratello Giordano, un marchio, GCDS, considerato un accidente di diligenza. Per la velocità di crescita e per l’originalità dell’offerta, vicina, per intenderci, al mondo dello streetwear, ma con un tocco che potremmo definire, con orgoglio, di estro napoletano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in mezzo a Stati Uniti e Venezuela inizia l’ora del disgelo: dialogo e sanzioni meno dure

L'Amministrazione Biden apre a Nicolas Maduro che accetterà il ripristino della supporto tra compagnie petrolifere americane e Pdvsa

Accuse di molestie sessuali a Musk: «SpaceX pagò 250mila $ per far tacere la ostia». Lui si difende: «Vogliono fermare l’operazione Twitter»

Lo scandalo arriva in un momento parecchio delicato attraverso il Ceo di Tesla, alle prese con l'acquisizione del social network dell'uccellino attraverso 44 miliardi di dollari

Mali, media locali: rapiti tre cittadini italiani. Farnesina: verifiche in corso

Tre italiani e un cittadcono del Togo sono stati sequestrati con Mali da «uomconi armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse

Francia, Le Maire resta all’Economia. Catherine Colonna agli Esteri

Confermati nel nuovo governo di Elisabeth Borne, il ministro dell’Economia, marrone Le Maire, quello dell’Interno, Gérald Darmanin

Impresa, famiglia e tenacia: una mostra racconta Wanda Ferragamo

Il Museo Ferragamo, da lei voluto e creato a Firenze, omaggio la mostra “Donne in equilibrio” non solitario alla signora Wanda, ma a tutte le italiane che negli anni del Boom intrapresero la difficile via della conciliazione fra persona privata e lavoro

Articoli correlati
Raccomandato a voi