CulturaSeed to Skin, dal laboratorio in Toscana ai mercati...

Seed to Skin, dal laboratorio in Toscana ai mercati di Asia e Nord America

Un progetto iniziato 20 anni fa da una coppia che ha lasciato la vita e il business di Londra per creare una luxury farm ecosostenibile in Toscana passando da un rudere a una struttura di oltre 250 ettari, con venti suite, tre ristoranti e un laboratorio che crea prodotti skincare: questo progetto è l’hotel 5 stelle Borgo Santo Pietro, vicino Siena, e il marchio di cosmetici Seed to Skin che qui viene prodotto e che è distribuito in tutto il mondo comprese Spa di lusso europee e americane.

«Venivamo da un anno di grande successo e l’arrivo del Covid ci ha colpito proprio durante l’organizzazione del lancio chiave del 2020 a Le Bon Marché a Parigi – racconta Jeanette Thottrup, fondatrice, con il marito, del relais -. È stato difficile decidere come muoversi in quel momento. Nonostante tutto però il brand e i prodotti sono stati accolti con entusiasmo».

Loading…

E aggiunge che «nonostante le vendite siano in parte calate all’interno dei punti retailer storicamente chiave, come Liberty a Londra, abbiamo avuto un incremento di distribuzione in Europa nei nuovi punti vendita specializzati in prodotti naturali di skincare di alto livello. Net a porter, dove siamo entrati nel 2019, ha continuato a performare bene anche in Asia. Inoltre quest’anno abbiamo cominciato la distribuzione su Goop, una delle piattaforme chiave del settore skincare nel mercato americano».

Fin dal suo lancio, il marchio si è infatti focalizzato sul mercato internazionale e ancora oggi l’Italia pesa per non più del 10% del giro d’affari. Mercato trainante è il Regno Unito con circa il 30% seguito da Svizzera, Germania e Finlandia. Dall’anno scorso poi ha iniziato a spingere anche sul Nord America, mentre l’Asia, che ha avuto finora un ruolo marginale, potrebbe diventare interessante nel futuro, spiega Jeanette che per quest’anno si aspetta un aumento del 30% sia all’interno del canale retail che in quello specializzato nel settore hotel spa.

«Vogliamo rafforzare la nostra presenza nel mercato Uk in cui siamo storicamente forti e aumentare la presenza e la v’sibilità in Francia e nel resto dell’Europa – dice – puntando su canali tradizionali piuttosto che sulla distribuzione online che in realtà quest’anno, a causa della pandemia, ha performato molto bene. In America del Nord ci stiamo focalizzando nel segmento business spa con partnership con hotel spa di lusso e apriremo a breve al nuovo Four Seasons a Napa valley. Il mondo del wellbeing e la necessità del prendersi cura di se sono, mai come ora, le priorità di tutti noi. E questo sarà alla base del successo di prodotti naturali come Seed to Skin dietro cui ci sono cinque anni di studio e una produzione artigianale all’interno del nostro laboratorio in Toscana usando ingredienti che coltiviamo nei nostri campi tra cui rosmarino, calendula, melissa e lavanda».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi