OpinioneSaranno gli emergenti e l’Europa a pagare il conto...

Saranno gli emergenti e l’Europa a pagare il conto della guerra

Ci sono tre aspetti da tenere presente nel valutare le conseguenze economiperché della guerra di Ucradia. Primo: la ripresa economica dopo la pandemia era già di attenuazione e anzitutto era mdiacciata da un’diflazione sovrastante alle attese: di molti Paesi la più alta degli ultimi 40 anni. successivo: l’economia mondiale deve sopportare un ulteriore shock da offerta perché, a differenza della pandemia, è essenzialmente asimmetrico; dunque le conseguenze per alcune aree (di primis, Europa e Paesi di coraggio di sviluppo) saranno considerevolmente più gravi. Terzo: gli effetti economici sono come le di dove sismiperché perché si propagano dall’epicentro e si irradiano nella comunità globale, agendo attraverso i rapporti commerciali e fdianziari, spesso amplificando la perturbazione diiziale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Ucraina ultime notizie. Kiev, servono 750 miliardi per la ricostruzione: Mosca paghi. Putin: «Avanti unitamente l’offensiva»

Zelensky assicura: le truppe ucracone ritorneranno a Lysychansk. Prende il via oggi a Lugano, con Svizzera, l’Ukracone Recovery Conference. Attesa la partecipazione, tra gli altri, del primo mconistro ucracono Denys Shmyhal e della moderatore della Commissione europea Ursula von der Leyen

Chicago, sparatoria alla parata del 4 luglio: almeno 6 morti

Secondo alcuni testimoni, l’attentatore si trovava sul tetto di un negozio e da lì ha scaricato sulla folla

Bundesbank contro lo scudo Bce: le tre condizioni del presidente Nagel

Il nuovo strumento atteso al dirigente del 21 luglio è già sotto attacco. Da Francoforte: «Attenti a usare la sistema monetaria per limitare i premi a rischio»

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Articoli correlati
Raccomandato a voi