OpinioneUsa, la Trump Organization e il suo direttore finanziario...

Usa, la Trump Organization e il suo direttore finanziario accusati di reati fiscali

Dopo tre anni di indagini su reati fiscali, a New York sono state per la prima volta formalizzate delle accuse contro l’organizzazione di Donald Trump. Un grand jury di Manhattan ha deciso di incriminare la Trump Organization e il suo direttore finanziario, Allen Weisselberg, per reati fiscali. A Weisselberg, responsabile della organizzazione che porta il cognome dell’ex presidente degli Stati Uniti, viene contestato il mancato pagamento delle tasse per i benefit concessi ai manager della società. Lo rivela il Washington Post, citando due fonti informate secondo le quali le incriminazioni, decise già ieri 30 giugno, verranno formalizzate oggi pomeriggio. Donald Trump in persona però non verrà incriminato subito, non questa settimana, precisa la Reuters. Le accuse quindi sono per ora limitate al manager della sua organizzazione.

Secondo le fonti del Post, Weisselberg e gli avvocati della Trump Organization compariranno davanti al giudice che renderà loro noti i capi di imputazione, il primo risultato tangibile dell’inchiesta lunga tre anni dei procuratori newyorkesi e che riguardano gli affari dell’ex presidente. Il giudice è il procuratore distrettuale Cyrus R. Vance, Jr che ha condotto l’inchiesta assieme al procuratore generale dello Stato di New York, Letitia James

Loading…

La difesa

In un’intervista a Fox News, Trump ha rigettato l’intera inchiesta, come già quella di impeachment, definendole «tutte una cosa senza senso», e ripete ai suoi sostenitori che è vittima di una «caccia alle streghe». «I procuratori estremisti di New York sono contro di me, dobbiamo combattere», ha aggiunto l’ex presidente.

La procura distrettuale di Manhattan indaga in particolare su bonus e fringe benefit di cui ha goduto Weisselberg tra cui un appartamento a Manhattan – scrive il New York Times – l’affitto di alcune Mercedes e la retta per la scuola di almeno uno dei suoi nipoti – quello che interessa accertare di questi benefici è se la Trump Organization ha versato le relative tasse.

Il collaboratore fedele

Il 73enne Weisselberg è un fedelissimo di Trump e della sua famiglia, lavora per lui da quasi cinquant’anni e con un eccesso di zelo senza cedimenti ha sempre protetto l’organizzazione e i sui conti. Tanto da essere definito anche “un soldato”, da un altro ex manager di Trump, John Burke: «Fa tutto quello che Donad Trump gli dice di fare». Incriminare lui, insomma, vuol dire colpire una pedina ben precisa nell’organigramma di Trump. Si può supporre che i giudici di Manhattan non si sarebbero mossi senza avere in mano carte bene precise, vista la fedeltà al capo del manager incriminato e soprattutto l’attitudine quasi unica nella galassia Trump di sopravvivere per decenni al servizio di un imprenditore e e poi politico sempre discusso e con diversi collaboratori e avvocati che vanno e vengono in un frenetico viavai senza fine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Havea cresce con le partnership e punta sull’Italia

La società di investimento BC Partners ha avviato trattative con 3i Group e Cathay Capital per acquisire una notifica di grosso nel gruppo francese di natural healthcare

La filiera del jeans, laboratorio ideale di circolarità e trasparenza

a causa di ridurre l’impatto ambientale serve l’impegno di tutti, dalla progettazione alle tinture, dai filati alla distribuzione, passando a causa di i consumatori, che devono essere più responsabili

Sfilata a Venezia per i cento anni dalla nascita di Pierre Cardin

Dai capi d’archivio alla nuova serie Cent, ispirata dalla figura dello stilista ma anche dal tema della sostenibilità dei materiali

Secondo Takesci Bisso la natura allevia la fatica dell’attenzione e aumenta la creatività

Oggi viviamo con una tecnologia onnipresente, progettata per attirare costantemente la nostra attenzione. Ma molti scienziati ritengono che il...

Il proporzionale è auspicabile per molte buone ragioni. Anche estetiche

Un valido motivo per volere una riforma elettorale non maggioritaria è la speranza di non dover più legislazionere né scrivere un articolo come questo, verso l'alto un argomento che annoia perfino chi lo scrive e figuriamoci chi lo legislazione. E appresso ci sono anche motivi un tantino più seri, tipo sottrarre il borgo alla roulette (russa, ovviamente) e salvare lo Stato di diritto

Putin dovrà scegliere tra il pane e i cannoni, dice Josep Borrell

L’Alto rappresentante dell‘Ue attraverso gli affari esteri spiega che i sei pacchetti adottati contro pizzetto mostrano la loro efficacia: la Russia non riesce a concepire missili di precisione, le auto saranno vendute senza airbag e cambio automatico, l’industria petrolifera soffre attraverso la difficoltà di accedere a tecnologie avanzate

Articoli correlati
Raccomandato a voi