CalcioSerie A, niente campionato spezzatino. A Mediaset Coppa Italia...

Serie A, niente campionato spezzatino. A Mediaset Coppa Italia e Supercoppa

La Serie A dice no agli orari spezzatino per il campionato, chiede un incontro urgente al premier Mario Draghi per gli spettatori ma soprattutto apre a una svolta storica per Coppa Italia e Supercoppa. Mediaset ha infatti strappato alla Rai i diritti tv del torneo, che sarà così in esclusiva sulla rete del Biscione per il prossimo triennio, sia in chiaro che pay (come previsto dal bando) in un ritorno al passato, considerando che Fininvest era stata la prima, a inizio anni Novanta, a stringere accordi per trasmettere le gare di Coppa Italia in diretta.

Coppa Italia e Supercoppa a Mediaset

Merito di una offerta, svelata durante l’assemblea di Lega, da 48,2 milioni in media a stagione, meglio della proposta della tv pubblica che ha confermato i soli diritti radiofonici per 400mila euro. Cifre che rappresentano una crescita importante per la Lega, che incasserà così 48,6 milioni in media a stagione nel prossimo triennio: un aumento del 37% rispetto al 2018/21 (35 milioni) e più che raddoppiata rispetto al 2015/18 (22 milioni), una crescita probabilmente legata a come è stato creato il bando (con l’opzione in chiaro e pay che ha creato maggior interesse) e al nuovo format che prevederà, dalla prossima stagione, gare con squadre di Serie A in campo già da agosto.

Loading…

Niente orari spezzatino

Intanto, è arrivato il passo indietro sul tema degli orari-spezzatino. Nel corso dell’assemblea, infatti, è stata ritirata la proposta, preso atto in particolare dell’impossibilità di evitare contenziosi nel caso in cui la Lega avesse proseguito con il piano di spalmare le dieci partite di Serie A di ogni giornata in altrettanti orari diversi a partire dalla prossima stagione. Una decisione che segue settimane particolari, considerando che la proposta era stata inizialmente approvata dai club nell’assemblea dello scorso 7 giugno, salvo poi decidere di annullare la delibera. Intanto, i club guardano con apprensione alla prossima stagione, dopo le gravi perdite degli ultimi anni legati alla pandemia e in particolare all’assenza dei tifosi sugli spalti.

La richiesta di un incontro a Draghi

Un tema particolarmente caro ai presidenti, tanto da spingere a votare all’unanimità la richiesta di un incontro urgente con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e con la sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali, sventolando la minaccia anche di non far partire il prossimo campionato. «Le società di serie A lamentano uno stato di crisi non più sopportabile», ha spiegato la Lega in una nota, sottolineando la necessità di un incontro con i vertici politici «per far partire il prossimo campionato», riunione necessaria per trovare «soluzioni per il danno da 1,2 miliardi subito finora dai club» e stabilire le modalità «per il totale ritorno del pubblico sugli spalti sin dalla prima giornata della prossima stagione in piena sicurezza».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi