OpinioneVon der Leyen: legge Ungheria anti-Lgbt vergognosa, se non...

Von der Leyen: legge Ungheria anti-Lgbt vergognosa, se non cambia passeremo ai fatti

Si alza il livello dello scontro fra i vertici Ue e l’Ungheria di Viktor Orbán. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha sferrato un colpo diretto al leader magiaro e alla legge che vieta la condivisione di contenuti relativi all’omosessualità ai minori. «I capi di stato e di governo hanno condotto una discussione molto personale ed emotiva sulla legge ungherese, praticamente l’omosessualità viene posta a livello della pornografia, e questa legge non serve alla protezione dei bambini, è un pretesto per discriminare. Questa legge è vergognosa» ha detto der Leyen al dibattito in plenaria al parlamento europeo sulle conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo. Se l’Ungheria non «aggiusterà il tiro», ha aggiunto von der Leyen, la Commissione «userà i poteri ad essa conferiti in qualità di garante dei trattati, dobbiamo dirlo chiaramente noi ricorriamo a questi poteri a prescindere dallo stato membro».

Nel mirino anche la Polonia: «Reagiremo su zone Lgbt free»

L’affondo di von der Leyen suggella il clima sempre più ostile fra Bruxelles e Budapest, dopo anni di schermaglie che hanno già condotto all’attivazione dell’articolo 7 dei trattati contro l’Ungheria. In questo ultimi caso, i «poteri» evocati da von der Leyen consisterebbero forse nello stop ai fondi destinati a Budapest da Next Generation EU, pari a un valore di circa 7 miliardi di euro. Il giudizio della Commissione sul Piano nazionale di rirpesa e resilienza è atteso per il 12 luglio, ma la finestra che si apre nel frattempo offre uno strumento di pressione a Bruxelles. «Dall’inizio del mio mandato abbiamo aperto circa quaranta procedure di infrazione legate alla protezione dello stato diritto e altri valori Ue e se necessario apriremo altre procedure» ha specificato von der Leyen.

Loading…

La stretta della Ue sul rispetto dei diritti della comunità Lgbt riguarda anche un altro paese accusato di inclinazioni autocratiche: la Polonia. Von der Leyen, sempre nel dibattito in plenaria, ha stigmatizzato l’istituzione delle cosiddetti zone «Lgbt free», ovvero le amministrazioni del Paese che si auto-qualificano come libera dalla presunta «ideologia Lgbt». «Non possiamo – ha detto von der Leyen – restare a guardare quando ci sono regioni che si dichiarano libere dagli Lgbt. Non lasceremo mai che parte della nostra società sia stigmatizzata a causa di quello che si pensa, dell’etnia, delle opinioni politiche o credi religiosi». «Non dimentichiamo che quando difendiamo parti della nostra società noi difendiamo la libertà di tutta la nostra società», ha aggiunto.

Portavoce Orbán. dibattito a Eurocamera? Una parata da circo

Orbán non sembra intenzionato a fare passi indietro. Il primo ministro ungherese aveva già rispedito al mittente le accuse, ribadendo la tesi che la legge «non è omofoba» ed è stata concepita per tutela dei minori. Zoltan Kovacs, il suo portavoce, ha definito una «parata da circo» il dibattito all’Eurocamera e accusato la Commissione di «imperialismo morale» verso l’Ungheria. «Che peccato! Il cosiddetto dibattito oggi al Parlamento europeo sulla legge sulla protezione dell’infanzia in Ungheria è stata una parata da circo, un nuovo livello di imperialismo coloniale e morale, un attacco all’Ungheria e Orbanofobia». La presidente della Conservatori e riformisti Giorgia Meloni, ha criticato in mattinata «l’ennesimo inaccettabile ricatto politico contro il legittimo governo di una nazione sovrana».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi