EconomiaAnia, Rc Auto, Ania in pressing: «Il bonus/malus va...

Ania, Rc Auto, Ania in pressing: «Il bonus/malus va riformato»

«La protezione assicurativa deve essere parte fondamentale del piano di ripresa dell’Italia perchè riduce la fragilità di individui, famiglie e imprese potenziando la rilevante funzione di ponte tra risparmio ed economia reale che il settore svolge da sempre». E ancora: «Possiamo e vogliamo essere al fianco del governo, delle istituzioni e di tutte le forze produttive e sociali per dare il nostro contributo alla ripartenza del paese, facendo leva sugli assi portanti della nostra mission».

Maria Bianca Farina, presidente di Ania (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici), annuncia la piena collaborazione del settore assicurativo per il rilancio del paese al quale sta lavorando il governo Draghi. E proprio dal premier arriva il riconoscimento dell’importanza di questa disponibilità. «Le compagnie di assicurazione italiane hanno un ruolo cruciale e il loro sostegno attraverso gli investimenti sarà essenziale per affiancare la ripartenza italiana» ha scritto nella lettera inviata alla Farina. Nel giorno dell’assemblea annuale dell’Ania («Noi siamo qua, siamo di nuovo qui. Ed è la vittoria più bella», è stato l’incipit della presidente) torna al centro della scena quel risparmio delle famiglie italiane parcheggiato sui depositi. «La propensione al risparmio è raddoppiata in un anno, raggiungendo il 15,3%, il valore più elevato degli ultimi 20 anni» ha chiosato. Le polizze vita rappresentano il 18,2% dello stock della ricchezza finanziaria delle famiglie; lo stock degli investimenti dell’industria assicurativa hanno superato i mille miliardi, di cui 345 miliardi in titoli di Stato. La presidente ha sottolineato la necessità «di innovazioni regolamentari per permettere al settore di continuare a offrire prodotti di medio lungo termine con garanzie» in un contesto di tassi molto bassi (come l’introduzione del Fondo utili anche nelle gestioni esistenti e una revisione dei prodotti Unit Linked).

Loading…

«È auspicabile un intervento di semplificazione delle regole e dei rapporti tra assicurazioni e imprese» per rendere più fluido indirizzare il risparmio verso l’economia reale, ha detto anche il ministro per lo Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.

Le assicurazioni hanno un ruolo sempre più importante nelle infrastrutture; per la Farina i fondi del Recovery Plan non basteranno «a garantire un’adeguata ripresa e messa in sicurezza del paese». E’ invece «necessario e urgente affiancare agli sforzi del pubblico gli investimenti privati». Serve attenzione anche al «progetto di revisione di Solvency II» per apportare gli aggiustamenti necessari, «già evidenti nei primi anni di applicazione», al fine di incentivare investimenti a lungo termine e inziative sostenibili. Sul fronte della protezione, per la Farina le Pmi dovrebbero fare di più per coprirsi dai rischi di business interruption e dagli attacchi cyber (solo il 3% delle aziende è coperto).

Tornano temi già sottolineati nelle precedenti edizioni: per la copertura dalle catastrofi naturali serve un percorso di partnership pubblico-privata. E la questione del welfare, ancora più attuale dopo la pandemia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi