CalcioMalagò: “Ori e vaccini, la doppia missione dell'Italia a...

Malagò: “Ori e vaccini, la doppia missione dell’Italia a Tokyo”

L’obiettivo è riuscire a conseguire “più ori rispetto agli 8 di Rio 2016”, Anche perchè più saranno le vittorie e maggiore sarà il sostegno alla campagna vaccinale anti-Covid. A lanciare lo spot in prospettiva è il presidente del Coni, Giovanni Malagò, in occasione dell’apertura di Casa Italia a Tokyo 2020. Vittorie e vaccini: questa quindi la doppia missione dell’Italia nella torrida e deserta olimpiade nipponica.
Sensibilizzare – Una campagna di sensibilizzazione al vaccino anti-Covid con video degli atleti che vinceranno la medaglia d’oro alle Olimpiadi: questa l’idea lanciata dal numero uno del Coni . Il tutto è frutto di un accordo con il ministro della Salute Roberto Speranza, dopo che altri comitati olimpici avevano avviato una campagna simile nel loro paese per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’efficacia del vaccino. Uno stimolo in più per gli atleti azzurri per provare ad andare ancora oltre Rio 2016. Questo è infatti l’obiettivo dichiarato da tempo dal numero uno del Coni: “Dobbiamo arrivare almeno a 30 medaglie, spero con più degli 8 ori presi a Rio”, ha ribadito il capo dello sport italiano.
Quota 40 – Stuzzicato ancora una volta su proiezioni che vedono l’Italia addirittura oltre la soglia delle 40 medaglie, anche se ’solo’ con 8 ori. Sul colore più nobile, sarebbe come eguagliare Rio mentre Malagò sogna di andare oltre: “41 medaglie di cui 8 d’oro? Sulle 41- replica ironicamente Malagò – potrebbe andare bene, ma direi che l’importante sarebbe comunque rimanere con il tre davanti… Certo, se qualcosina possiamo lasciare sulle altre posizioni e aumentare qualche oro non sarebbe male. Dobbiamo vincere più di 8 ori. Dobbiamo mettere un 3 nelle medaglie complessive”.

Sorprese – Tennis, golf, tutte discipline che Malagò in passato ha citato tra le possibili sorprese. Ma c’è una medaglia che sognerebbe davvero il numero uno dello sport italiano: “Sono 30 anni che il volley insegue l’oro. È ora di sfatare questo tabù”, si dice convinto Malagò. Domani la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi più tormentate ma anche “indimenticabili” della storia: “Il messaggio è che il mondo non può fare a meno delle Olimpiadi – si dice convinto – Un tipo di vetrina che nessun altro mondo può permettersi. Anche se nulla è facile o semplificato: la logistica, i trasporti, i protocolli, le app…”. Anche se, ormai, non sembra contemplata la parola fine anticipata, al contrario di quanto evocato da una frase del ceo di Tokyo 2020, Toshiro Muto: “Sospensione delle Olimpiadi? Non ho alcun elemento per pensare che possa accadere”, ha chiosato Malagò.

Loading…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi