OpinioneLa fine dell’italoreggaeton? - Claudia Durastanti

La fine dell’italoreggaeton? – Claudia Durastanti

Passeggiando nelle località di mare e di provincia, si comincia a percepire qualcosa di insolito: l’inizio di un processo di smaterializzazione sonora. Si affievoliscono e spariscono lentamente i ritmi latini e plastificati a cui ci hanno abituati le ultime estati, brani euforizzati che catalizzano sentimenti di odio puro quanto di benessere infinito, amplificati soprattutto negli stabilimenti balneari e nelle macchine con i finestrini aperti.

Pezzi che hanno tradotto in franchising il reggaeton e le oscillazioni di dancehall lontani, con una concezione molto libera e spregiudicata di cosa sia una tradizione culturale, senza sufficiente coraggio e intuizioni per proporre una lingua e uno stile davvero ibridi. Canzoni che raramente hanno provato a isolare un idioma personale, fatte soprattutto di guaranà e temporali estivi, di equivoci sentimentali e dittatura dell’essere contenti.

Non mancheranno a molti, ora che le estati sono diventate più timide e frammentate e che finalmente l’italoreggaeton segue la fisiologia dei cicli brevissimi e laici dell’estate. Ma questo genere pasticciato è ostinato più di altri, e ancora ci s’imbatte in qualcuno che ne asseconda i ritmi con feroce ostinazione, aprendosi al languore dell’anacronismo. Non ci mancherà, ma con un salto in avanti tocca davvero chiedersi se l’italoreggaeton farà la stessa fine dell’eurodance, che ormai è un contenitore strapieno di ricordi e viene tenuta nella memoria anche da chi non l’ha mai ascoltata: se è vero che l’insopportabile tormentone estivo di qualcuno è sempre la torturata nostalgia di qualcun altro. u

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi