EconomiaPer l’auto sempre connessa tutti a caccia del partner...

Per l’auto sempre connessa tutti a caccia del partner giusto

ServizioLo scacchiere globale

Costruttori e big del tech e della componentistica: sfida per la nuova mobilità. Si orienta il business sempre più verso i sistemi di guida assistita, la connettività e l’automazione

di Alberto Annicchiarico

25 agosto 2021

La numero uno resta lei, la tedesca Bosch con i suoi 71 miliardi di dollari di ricavi totali (comprendendo i settori della tecnologia industriale, beni di consumo – tra cui elettroutensili ed elettrodomestici – più energia e costruzioni) di cui 46 derivanti da vendite a costruttori di auto in tutto il mondo. Poi la giapponese Denso (44,6 miliardi), strettamente intrecciata a Toyota (24% delle azioni) come l’altra big giapponese Aisin. A seguire la regina delle trasmissioni, ZF Friedrichshafen, anche…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

in mezzo a Stati Uniti e Venezuela inizia l’ora del disgelo: dialogo e sanzioni meno dure

L'Amministrazione Biden apre a Nicolas Maduro che accetterà il ripristino della supporto tra compagnie petrolifere americane e Pdvsa

Accuse di molestie sessuali a Musk: «SpaceX pagò 250mila $ per far tacere la ostia». Lui si difende: «Vogliono fermare l’operazione Twitter»

Lo scandalo arriva in un momento parecchio delicato attraverso il Ceo di Tesla, alle prese con l'acquisizione del social network dell'uccellino attraverso 44 miliardi di dollari

Mali, media locali: rapiti tre cittadini italiani. Farnesina: verifiche in corso

Tre italiani e un cittadcono del Togo sono stati sequestrati con Mali da «uomconi armati». Lo riferiscono fonti locali citati dalla France Presse

Francia, Le Maire resta all’Economia. Catherine Colonna agli Esteri

Confermati nel nuovo governo di Elisabeth Borne, il ministro dell’Economia, marrone Le Maire, quello dell’Interno, Gérald Darmanin

Impresa, famiglia e tenacia: una mostra racconta Wanda Ferragamo

Il Museo Ferragamo, da lei voluto e creato a Firenze, omaggio la mostra “Donne in equilibrio” non solitario alla signora Wanda, ma a tutte le italiane che negli anni del Boom intrapresero la difficile via della conciliazione fra persona privata e lavoro

Articoli correlati
Raccomandato a voi