OpinioneI Talebani annunciano presa del Panshir. Massoud: «Il mondo...

I Talebani annunciano presa del Panshir. Massoud: «Il mondo sta a guardare»

I Talebani hanno rivendicato il pieno controllo della Valle del Panshir, l’unica che ancora non era caduta alla loro rapida avanzata per la resistenza degli uomini guidati da Ahmad Massoud. Lo ha dichiarato il portavoce dei Talebani Zabihullah Mujahid, dicendo che «con questa vittoria il nostro Paese è completamente libero» e «uscito dal pantano della guerra».

Da parte sua, il Fronte della resistenza nazionale afghana bolla come «falsa» la rivendicazione dei Talebani di aver preso il pieno controllo della Valle del Panshir. «Le forze del Fronte nazionale della resistenza sono presenti in tutte le posizioni strategiche in tutta la valle per continuare a combattere», si legge sull’account di Twitter delle forze guidate da Ahmad Massoud. «Garantiamo al popolo afghano che la lotta contro i Talebani ei loro alleati continuerà fino a quando non prevarranno giustizia e libertà», prosegue il tweet.

Loading…

Ex vicepresidente Saleh fugge in in Tagikistan

Un alto esponente del Fronte di resistenza nazionale dell’Afghanistan ha riferito al Washington Post che l’ex vice presidente afghano Amrullah Saleh ha lasciato la Valle del Panshir per fuggire in Tagikistan, mentre il leader della resistenza afghana Ahmad Massoud si trova «in un posto sicuro». La stessa fonte avrebbe confermato che «sì, il Panshir è caduto. I Talebani hanno preso il controllo degli uffici governativi. I Talebani sono entrati nella casa del governatore».

L’accusa di Massoud: «Il mondo sta a guardare»

Su Twitter, però, il Fronte della resistenza nazionale ha rivendicato di mantenere posizioni strategiche nel Panshir e che i combattimenti stanno continuando. Sempre via Twitter, fonti della resistenza confermano «un forte attacco via terra e via aria subito nella notte». E attaccano: «Mentre i talebani lanciano feroci attacchi nel Panjshir, il capo dell’Isi pakistano (i servizi di intelligence di Islamabad, ndr) è a Kabul. Inoltre, il mondo sta a guardare». Ieri sera Massoud si era detto disponibile al dialogo con i Talebani e a mettere fine ai combattimenti nella Valle a patto che loro si ritirassero.

Uccisi il portavoce e un generale della resistenza

Domenica notte Fahim Dashti, portavoce del Fronte della resistenza nazionale, è rimasto ucciso nella Valle del Panshir, proprio a causa dell’avanzata dei Talebani. A darne notizia è lo stesso leader della resistenza afghana Ahmad Massoud, che su Twitter ha scritto che «Fahim Dashti era un amico e un fratello. Ha difeso la libertà di parola e i suoi ideali ed è morto come un eroe per la sua patria!».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi