OpinionePetrolio o ambiente? Il paradosso norvegese alla prova del...

Petrolio o ambiente? Il paradosso norvegese alla prova del voto

Fondo sovrano a parte poi, gas e petrolio rappresentano il 42% delle esportazioni norvegesi e danno lavoro a 160mila persone, il 6% degli occupati.

Lo sanno bene i partiti maggiori, nessuno dei quali appare intenzionato a sbattere la porta in faccia all’industria che ha rappresentato e ancora rappresenta l’Eldorado nazionale, bandendo per esempio le perforazioni nell’Artico alla ricerca di nuovi giacimenti o fissando un termine alla produzione di petrolio. Come ha già fatto la vicina Danimarca (2050) o come Oslo era stata invitata a fare, già nella primavera dell’anno scorso, dal relatore speciale sui diritti umani e l’ambiente dell’Onu, David Boyd: «La Norvegia – questa l’esortazione – dovrebbe vietare ulteriori esplorazioni per la produzione di combustibili fossili, rifiutare un’ulteriore espansione delle infrastrutture collegate, predisporre una transizione equa per lavoratori e comunità dipendenti dall’industria dei combustibili fossili».

La posizione dei partiti e l’allarme dell’Onu

Non ne ha però intenzione il Partito conservatore della premier Erna Solberg, che oggi insegue nei sondaggi (attorno al 20-21%), disponibile solo a una transizione «graduale» verso l’industria green; e non è pronto a farlo neppure il Partito laburista di Jonas Gahr Støre, in vantaggio nelle intenzioni di voto (23-24%). La transizione verde – ha dichiarato in un recente dibattito televisivo il probabile prossimo premier – richiederà tempo e proprio i proventi del petrolio potranno finanziare l’industria delle rinnovabili. Un cambio di rotta troppo repentino, questa la conclusione, rischierebbe invece di compromettere quegli investimenti.

A rendere più acceso quello che era già il tema centrale della campagna elettorale norvegese è arrivato, il mese scorso, il sesto rapporto dell’Ipcc, il panel intergovernativo Onu sul cambiamento climatico: riscaldamento globale fuori controllo, fenomeni sempre più estremi, un vero e proprio «codice rosso» per l’umanità, come l’ha definito il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Il nuovo allarme ha dato una spinta nei sondaggi ai partiti più decisi a chiedere una svolta sui combustibili fossili: i Verdi, che chiedono uno stop immediato alle esplorazioni petrolifere e alla produzione entro il 2035 e sperano di raggiungere il miglior risultato di sempre, grazie ai giovani e al voto delle città (sono attestati attorno al 5% negli ultimi sondaggi, dunque oltre la soglia di sbarramento del 4%), ma anche i Liberali e, soprattutto, la Sinistra socialista (9-10%), possibile partner di governo dei Laburisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Bce, finito il Qe parte lo scudo (pandemico) anti spread

La Banca centrale archivia il programma sui bond, porzione delle misure di stimolo introdotte dieci anni fa

Ucraina ultime notizie. Potenti esplosioni nella città di Mykolaiv

Il governo di Mosca ha adottato oggi una rescissione che sancisce l’uscita del paese da otto Accordi Parziali del Consiglio d’Europa

Papa Francesco riceve Musk: affrontati i temi della tecnologia e della natalità

Il patron di Tesla e SpaceX Elon Musk ha rivelato con un tweet la sua visita privata a Papa Francesco, postando una ritratto in quanto lo ritrae insieme a quattro dei suoi sette figli

Filati, la scarsa disponibilità di manodopera frena la ripresa

A Pitti Filati 114 espositori. In vetrina un settore che ha chiuso il 2021 con 2,6 miliardi di fatturato (+28,7%), insufficiente sotto il livello pre Covid, bensì che fa impegno a ripartire a causa dell’insufficienza di bensìcchinari e di operai, a causa della riduzione degli organici avvenuta durante la fase Covid

Colore, creatività e cultura: 60 anni di moda africana in mostra a Londra

La salone “Africa Fashion” al V&A parte dal rinascimento culturale negro alla fine degli anni Cinquanta e giunge alla moda contemporanea, in un percorso di ricostruzione e ricerca che è solo all’inizio

Eco Bio Boutique, da piccola erboristeria ad azienda beauty tech sostenibile

La start up cosmetica ha registrato un incremento del ricavo del 1.500% in due anni con ricavi che superano i 4 milioni di euro. immediatamente spinge all’estero e assume personale

Articoli correlati
Raccomandato a voi