OpinioneVertiginosa - Giovanni De Mauro

Vertiginosa – Giovanni De Mauro

In molte regioni della Corea del Sud non si trovano più le ostetriche e alcune scuole regalano iPhone per attirare i pochi studenti. In Giappone si vendono più pannoloni per anziani che pannolini per neonati. In Germania centinaia di migliaia di edifici disabitati sono stati demoliti lasciando il posto a parchi. Prima della fine del secolo, la Cina potrebbe avere meno abitanti della Nigeria.

Quasi tutti i paesi stanno registrando un arresto della crescita della popolazione e un crollo dei tassi di natalità: è “un’inversione vertiginosa senza precedenti nella storia”, scrive il New York Times.

I demografi prevedono che entro la seconda metà del secolo la popolazione mondiale entrerà per la prima volta in un declino sostenuto. È un cambiamento che può richiedere decenni, ma una volta cominciato sarà esponenziale.

Ne parlava già uno studio dell’anno scorso di Lancet, secondo cui il pianeta raggiungerà il picco nel 2064, con 9,7 miliardi di abitanti, e poi comincerà l’inversione di tendenza che farà scendere la popolazione a 8,8 miliardi di abitanti. Per 23 paesi, tra cui l’Italia, la riduzione sarà superiore al 50 per cento. Intanto la popolazione dell’Africa subsahariana triplicherà.

Entro il 2100, dice lo studio, 183 dei 195 paesi presi in esame scenderanno al di sotto della soglia di sostituzione (in media 2,1 figli per donna), necessaria per mantenere i livelli di popolazione.

I demografi invitano ad adattarsi e a ripensare l’organizzazione delle società, oggi fondate su una forza lavoro giovane che sostiene l’economia. Anche perché il calo demografico potrebbe avere effetti positivi. Popolazioni più piccole potrebbero portare a stipendi più alti, società più uguali e a una qualità della vita migliore, scrive sempre il New York Times.

Ma soprattutto un pianeta con meno persone potrebbe allentare la pressione sulle risorse e, con la riduzione delle emissioni di carbonio, frenare l’impatto distruttivo del cambiamento climatico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Taormina il nuovo tweet: “Prendersela con la Meloni è razzista”

Carlo Taormina ed il nuovo tweet sugli attacchi all'aspirante primo ministro del centrodestra unitamente cui dice la sua sul tema: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” Leggi tutto Taormina il nuovo tweet: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” su Notizie.it.

Articoli correlati
Raccomandato a voi