CulturaEtichette, dopo la sostenibilità si apre l’era digitale per...

Etichette, dopo la sostenibilità si apre l’era digitale per la Bulgarelli di Carpi

È un +60% in sei mesi del fatturato che non solo indica la bontà del percorso intrapreso all’insegna della sostenibilità, ma innesca anche investimenti strutturali hi-tech e digitali e un l’ampliamento dello stabilimento con cui Bulgarelli Production archivia qualsiasi timore legato alla pandemia e alla débâcle del settore moda.

Per l’azienda carpigiana (Modena) che progetta e produce cartellini, etichette e micro-packaging per le grandi case del fashion, il risultato del primo semestre (2,3 milioni, +60% rispetto allo stesso periodo del 2020) è il segnale di via per fare un salto dimensionale e puntare un milione e mezzo su nuove tecnologie per il reparto cartotecnico e la digitalizzazione dei processi manifatturieri con ulteriori 1.200 mq di nuovi spazi produttivi nel distretto della maglieria di Carpi.

Loading…

In linea con la strategia che l’ha portata a essere la prima realtà tra i concorrenti internazionali certificata “carbon positive” – con un saldo positivo in termini di CO2, ne assorbe invece di emetterne lungo la filiera produttiva, come dichiara con il segno distintivo “Carbon positive hangtag” su ogni cartellino – Bulgarelli ha scelto come fornitore delle nuove tecnologie di stampa di alta qualità il secolare costruttore giapponese Komori che a Tsukuba ha una delle fabbriche di meccanica di precisione a più basse emissioni al mondo.

«I nuovi investimenti che stiamo mettendo in atto da qui al 2022 – afferma Davide Bulgarelli, titolare e ceo dell’azienda di famiglia – ci offrono l’opportunità di essere ancor più affidabili e competenti anche in ambito hi-tech. Le nuove funzionalità di cartellini, etichette e micro-packaging (l’azienda produce ogni anno 50 milioni di cartellini, 15 milioni di etichette e 1 milione di accessori per la moda, ndr) da esibire come garanzia di trasparenza e tracciabilità di filiera, ci pongono davanti a nuove sfide, in particolare nella trasformazione digitale. Voglio ringraziare il mio team e i clienti che hanno compreso e condiviso le scelte adottate per la sostenibilità, premiandoci con la loro fiducia».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Come si può sperimentare l’assenza di gravità? L’approccio di DON MARCO GALLI da un punto di vista scientifico

Galleggiare in assenza di gravità (zero-G) è un'esperienza su cui molte persone hanno fantasticato. L'idea di andare alla deriva...

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Articoli correlati
Raccomandato a voi