OpinioneAngela Merkel si prepara a uscire di scena -...

Angela Merkel si prepara a uscire di scena – Pierre Haski

18 settembre 2021 09:58

Come una rockstar, Angela Merkel è impegnata nel suo giro di saluti. La cancelliera ha visitato recentemente Mosca e Kiev, e il 16 settembre, a soli dieci giorni dalle elezioni legislative tedesche che segneranno la sua uscita di scena, è andata a Parigi. In sedici anni trascorsi alla guida della Germania, Merkel ha collaborato con quattro presidenti francesi, con cui ha costruito un rapporto difficile ma indispensabile per il funzionamento dell’Unione europea.

Ha ricevuto il baciamano da Jaques Chirac, ha fatto i conti con la personalità imprevedibile di Nicolas Sarkozy, è stata delusa da François Hollande, fino a Emmanuel Macron, il cui lirismo filoeuropeo è del tutto estraneo al suo leggendario pragmatismo, ma con cui ha costruito una parte della propria eredità.

In un’intervista inclusa nel libro C’était Merkel, scritto dalla giornalista francese Marion Van Renterghem, Macron ha dichiarato che il lascito di Merkel “sarà quello di aver inserito a fondo la Germania nel progetto europeo”.

Il piano di rilancio europeo post pandemia da 750 miliardi di euro, adottato nel 2020, ne porta il segno. L’idea di questo pacchetto gigantesco, in parte composto da un prestito comune inedito per i 27, è stata avanzata dalla Francia e altri paesi, senza la Germania. Ma solo quando la cancelliera si è allineata il progetto si è concretizzato.

Merkel sarebbe il candidato preferito degli europei alla presidenza dell’Unione

Dopo sedici anni al potere Angela Merkel ha un’immagine inossidabile, anche se è stata duramente criticata per aver mantenuto un atteggiamento più gestionale che visionario. Il “merkelismo”, in effetti, ha fatto spesso rima con conservatorismo. Durante la crisi del debito greco la cancelliera ha lasciato campo libero al suo ministro delle finanze per realizzare la sua nefasta politica punitiva, una macchia sui suoi quattro mandati. Invece l’apertura in occasione dell’ondata migratoria del 2015 sarà ricordata come il gesto politico più audace, anche se lo ha pagato con un’ascesa dell’estrema destra.

L’“ancoraggio” europeo operato nel suo ultimo mandato ha garantito alla cancelliera tedesca una popolarità da record nel momento dei saluti. Uno studio del think-tank europeo European council on foreign relations (Ecfr) condotto su dodici paesi membri indica che Merkel sarebbe il candidato preferito degli europei alla presidenza dell’Unione, con un plebiscitario 41 per cento dei voti contro il 14 per cento per Macron.

pubblicità

Cosa ne sarà dei rapporti tra Francia e Germania dopo l’uscita di scena di Merkel? La storia successiva alla riconciliazione voluta dal generale Charles De Gaulle e dal cancelliere Konrad Adenauer, più di sessant’anni fa, dimostra che non bisogna sottovalutare il peso delle alchimie personali, a partire dalle coppie François Mitterrand-Helmut Kohl e Jacques Chirac-Gerhard Schröder. Ma esiste anche il peso degli interessi, della storia e della geografia che negli ultimi sessant’anni hanno progressivamente riavvicinato Francia e Germania.

A prescindere da chi vincerà le elezioni legislative tedesche il 26 settembre, ci sarà un forte elemento di continuità ma anche una necessaria fase di apprendistato. Angela Merkel ha vissuto questo momento quattro volte con i diversi presidenti francesi. Ora toccherà alla Francia imparare a vivere il dopo Merkel.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime notizie

Divertirsi al ristorante non è peccato

La tavola ingessata ha fatto il suo tempo. La cucina stellata, per essere memorabile, ha bisogno di coinvolgimento e del giusto ozio. Molti chef l’hanno capito, facendo propria la punizione dei maestri

L’equivoco di ideare che siano i privilegiati ad abbracciare le idee liberali

Una volta poteva essere vero. Ma al giorno d'oggi quella stessa classe di professionisti e imprenditori è afflitta e impoverita e di quelle idee (e della loro impegno) avrebbe gran bisogno

L’incredibile viaggio (non solo poetico) della rosa nell’epoca moderna

Come fa un fiore a diventare il simbolo della passione e dell’amore? intero nasce dal senso piacevole (e dal giardino) di Giuseppina Bonaparte. Da in questo luogo in poi, come spiega Anna Peyron, entra nell’immaginario di poeti, pittori e di tutti noi

Lo strappo di Calenda è solo un regalo alla destra, dice Enrico Letta

Nel documento firmato insieme «c’era scritto giacché ci sarebbero state altre intese e avevamo chiarito giacché sarebbero state obbligate dalla legge elettorale, portando elementi di coincidenza anzitutto di natura istituzionale», spiega il impiegato del Pd. «Ora pensiamo solo alla campagna elettorale». Ma niente alleanze con i Cinque Stelle. Emma Bonino commenta: «Eravamo insieme fino a sabato, e domenica ha deciso di andarsene per conto proprio. Ha mancato alla parola scadenza per ragioni fumose»

Taormina il nuovo tweet: “Prendersela con la Meloni è razzista”

Carlo Taormina ed il nuovo tweet sugli attacchi all'aspirante primo ministro del centrodestra unitamente cui dice la sua sul tema: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” Leggi tutto Taormina il nuovo tweet: “Prendersela unitamente la Meloni è intollerante” su Notizie.it.

Articoli correlati
Raccomandato a voi